Flavio Cattaneo (TI): Xavier Niel ha perso l’effetto sorpresa


Nell’intervista rilasciata al Financial Times (il principale quotidiano economico-finanziario del Regno Unito) e pubblicata oggi, Flavio Cattaneo (AD di Telecom Italia), affronta diversi temi, dall’ingresso di Enel nella fibra ottica con il progetto Open Fiber, al lancio di Iliad nella telefonia mobile e l’incognita TIM in Brasile (dove il gruppo realizza circa il 20% dei ricavi).

Free

Partiamo da TIM Brasil: Cattaneo spiega che nonostante le voci ormai di lunga data, non c’è nessuna prospettiva di vendita o fusione con un’altra realtà del Paese. Taglia corto anche alla domanda relativa a Enel, che con il progetto Opern Fiber è diventato un temibile concorrente: “Siamo già lì”, dice, riferito al recente accordo con la rivale Fastweb per creare un servizio che porti banda larga in fibra direttamente in casa (FTTH – fiber to the home) in 29 città d’Italia.

Sul tema che interessa più tutti noi e i nostri lettori (ovvero alla società di Xavier Niel, che presto sbarcherà in Italia con Free Mobile, il nuovo quarto operatore mobile del Paese) per Cattaneo “Xavier Niel sta facendo un buon lavoro in Francia” (riferito agli ottimi risultati e la quota di mercato raggiunta oltralpe), ma in Italia “ha perso il suo elemento di sorpresa“.

Per l’AD di Telecom Italia “Per lui qui non sarà così facile come in Francia. Ci stiamo preparando” e fa notare come il ricavo medio di Telecom Italia per utente (ARPU) sia già inferiore a quello di Free del signor Niel. Inoltre, per gli analisti nel nostro Paese ci sarebbe poco spazio per una rinnovata “guerra dei prezzi”.

Effetto sorpresa o no, Xavier Niel in Francia ha saputo stravolgere il mercato con una strategia legata a tariffe a basso costo, investimenti sulla rete 4G e customer care interno. Insomma, non sarà facile, ma se TIM, Vodafone e Wind-3 continueranno a rimodulare e alzare i prezzi delle proprie offerte, come sta accadendo ormai da diverso tempo, potrebbero aver già spianato la strada a tante future portabilità verso Free Mobile.

Advertisements

Potrebbero interessarti anche...