Berenberg: ingresso Iliad in Italia non è da prendere alla leggera


Per gli analisti di Berenberg (la più antica banca d’affari tedesca) l’ingresso del gruppo Iliad di Xavier Niel in Italia “non è da prendere così alla leggera”.

Free

Per la banca d’affari, sul mercato mobile “l’entrata di Iliad non è da prendere così alla leggera“, perché sia la 3 (Ck Hutchison) che Wind (Vimpelcom) hanno “venduto troppo per assicurarsi l’approvazione della fusione da parte delle autorità (europee)…”, dando la possibilità a Free Mobile di lanciare i propri servizi con già una buona copertura di partenza.

Per Berenberg, in Italia nella telefonia mobile non ci sono tariffe così basse come vogliono farci credere e, grazie anche all’elevato tasso di disdetta e alla bassa affezione del cliente medio, Iliad potrebbe avere la strada spianata per un buon successo, a danno sia di TIM ma soprattutto della nuova nata Wind-3.

Dovremo aspettare ancora diversi mesi prima del lancio di Free Mobile e per scoprire se il gruppo francese avrà lo stesso successo ottenuto in patria dal 2012 ad oggi.

Advertisements

Potrebbero interessarti anche...