Xavier Niel si racconta: dalla creazione della Freebox al progetto Station F

“Le ministère de la Ville, de la Jeunesse et des Sports” è il  il Dipartimento inaugurato dal governo di Manuel Valls nell’agosto 2014, responsabile delle iniziative dedicate ai giovani, le politiche in materia di attività fisica e sportiva e in materia di associativismo ed educazione dei giovani.

Di recente, ha lanciato una campagna per promuovere la mobilità dei giovani, per incoraggiarli ad andare all’estero, visitare nuovi Paesi e nuove realtà. In occasione di questo evento, il Dipartimento ha realizzato e pubblicato diverse interviste a personalità del mondo dello sport, dello spettacolo, così come anche ad imprenditori famosi, chiedendo di raccontare la loro storia e il ricordo più bello legato ad un viaggio all’estero (e cosa hanno imparato da questa esperienza).

Xavier Niel, fondatore di Iliad e Free/Free Mobile, è una delle personalità che ha aderito a questa campagna, raccontandosi in un breve video che riportiamo qui di seguito.

Niel, diventato milionario a soli 24 anni grazie a Minitel Rose (un servizio telematico francese di messaggistica testuale riservato agli adulti) e oggi uno dei 10 uomini più ricchi di Francia, ha raccontato le principali tappe del suo successo.

Si va dalla fondazione di Iliad nel 1990 e al lancio nel 1999 della prima offerta commerciale di Free. Racconta poi del suo viaggio negli Stati Uniti alla fine degli anni ’90, dove andò nella speranza di trovare una soluzione triple play da poter importare in Francia, ma senza successo.

Di ritorno in patria decide allora di creare con l’aiuto dei suoi compagni quella che oggi è nota con il nome di Freebox, ovvero il primo apparecchio elettronico (box) triple play al mondo. E’ così che nel novembre 2002 lancia ufficialmente  la prima offerta triple play per i clienti Free.

Nel 2012 arriva il lancio di Free Mobile, che stravolte letteralmente il mercato della telefonia mobile con le sue offerte a partire da 2 euro/mese. Nel 2013 arriva l’apertura de L’école 42, una scuola gratuita (finanziata con 70 milioni di euro per 10 anni) dedicata alla programmazione e a professioni tecniche digitali per giovani tra i 18 e i 30 anni.

Station F

Progetto Station F

Quali progetti per il 2017? Per questo nuovo anno il lancio (ad aprile) di “Station F“, il più grande incubatore di start-up al mondo (saranno più di 1.000). La struttura era un ex stazione ferroviaria – la Halle Freyssinet – posizionata nel tredicesimo arrondissements, una delle 20 circoscrizioni metropolitane in cui è divisa la città di Parigi, ora ristrutturata e pronta all’inaugurazione tra pochissimi mesi.

Advertisements

Potrebbero interessarti anche...

Dì la tua o Rispondi ad un commento...