Fastweb ha presentato ricorso contro Iliad al Tribunale UE


Fastweb tenta di mettere i bastoni tra le ruote al lancio del nuovo operatore Free Mobile e lo fa presentando ricorso al Tribunale della UE contro la decisione della Commissione di autorizzare la fusione tra Wind e H3G subordinandola a una serie di obblighi per l’ingresso sul mercato di un nuovo operatore, appunto Free Mobile, del gruppo Iliad.
Fastweb Free Mobile

Quello che sarà il quarto operatore mobile italiano, il cui lancio è previsto nel secondo semestre 2017, si appoggerà alla rete Wind-3 per fornire servizi con un modello – presume la Commissione europea nelle sue conclusioni – di prezzi molto aggressivi. Deduzione che Fastweb contesta insieme ad altri 6 motivi di ricorso.

Secondo quanto riporta oggi Il Sole 24 Ore, «La Commissione ha deciso di non sottoporre a market test il pacchetto definitivo degli impegni assunti dalle parti e dal remedy taker (Iliad)». «Il totale disinteresse d’Iliad per il mercato wholesale» – si legge ancora – peggiorerebbe le condizioni per gli operatori virtuali rispetto allo scenario di partenza con 3 e Wind separati.

E’ evidente che per Fastweb, che opera come Full MVNO sotto rete TIM, l’ingresso di Free Mobile è visto come fumo negli occhi, sia perché è l’operatore con cui ha perso la “gara” per aggiudicarsi le frequenze liberate con la fusione Wind-3, sia per i prezzi altamente competitivi che si prepara a lanciare in Italia e che potrebbero mettere il gruppo in seria difficoltà (seppur nelle dichiarazioni ufficiali delle ultime settimane, l’AD del gruppo ha sostenuto che  Iliad “si collocherà sul mercato italiano come un operatore di bassa qualità e di basso costo, per cui, si orienterà verso la parte bassa del mercato a cui noi non siamo interessati”).

Fastweb contesta il via libera della Commissione UE nella convinzione che l’investimento di Iliad sia destinato a naufragare, perché il modello francese super low cost non è replicabile nel mercato italiano e perché «non c’è un reale incentivo a realizzare un’infrastruttura».

Ora non resta che attendere la decisione del Tribunale UE in merito. Diteci la vostra: sono giuste le tesi sostenute da Fastweb o è solo un tentativo per frenare un temibile concorrente?


Rimani aggiornato con il nostro canale Telegram, oppure seguici sui principali social: Facebook | Twitter | Google+.

Advertisements

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. Enrico ha detto:

    Ma dai, che ridicoli! Non commento neanche.

  2. Stefano ha detto:

    Solo io ho la sensazione che Fastweb se la stia facendo sotto e sta giocando l’ultima carta possibile che gli è rimasta?

Dì la tua o Rispondi ad un commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: