Ecco tutti i servizi a pagamento che con Free Mobile non pagheremo!

Manca ancora qualche mese prima di vedere il debutto di Free Mobile in Italia, ma su una cosa siamo certi, se gli operatori mobili nostrani continueranno con le loro rimodulazioni selvagge e ad offrire a pagamento servizi basilari precedentemente offerti gratuitamente, per Iliad si prospetta un grande successo.

Free Mobile

Perché pagare un rinnovo di una opzione tariffaria su 28 giorni invece che sul mese intero e perché pagare un costo fisso per sapere chi ci ha cercato quando non eravamo raggiungibili o impegnati in altra telefonata?

LEGGI ANCHE: In Italia il consumatore di telefonia mobile è maltrattato

Ecco tutti i servizi che paghiamo e che Free Mobile (almeno in Francia, ma siamo sicuri bisserà anche in Italia, dai feedback che ci arrivano d’Oltralpe) offrirà gratis:

Notifiche su utenza non raggiungibile. Servizio gratuito con Free Mobile, a pagamento per i principali operatori italiani.

TIM addebita 1.90 euro ogni due mesi per il suo “Lo Sai”; Vodafone addebita 12 centesimi al giorno in caso di utilizzo del servizio; Wind addebita 19 centesimi ogni 7 giorni in caso di ricezione di un eventuale nuovo SMS di notifica; 3 Italia 90 centesimi al mese che diventeranno ben 1.50 euro al mese dal primo maggio 2017, con l’ennesima rimodulazione poco gradita a tutti i suoi clienti.

4G. Costi supplementari per l’utilizzo della rete 4G/LTE da parte dei clienti 3 Italia, al costo di 1 euro al mese. Nessun costo aggiuntivo per Free Mobile e gli altri operatori mobili italiani.

Segreteria telefonica. Totalmente gratuita con Free Mobile, compreso l’ascolto dei messaggi vocali, che è a pagamento con i principali operatori italiani.

Con Vodafone si paga 1.50 euro al giorno (solo in caso di utilizzo); con 3 Italia 20 centesimi per ogni chiamata alla segreteria telefonica (indipendentemente dalla durata); con Wind 12.40 centesimi per ogni chiamata alla segreteria telefonica (indipendentemente dalla durata); con TIM il costo è quello previsto dal proprio piano tariffario base attivo sulla SIM, indifferentemente dal fatto che sulla linea sia attiva o meno una opzione “tutto compreso” con minuti inclusi di chiamate.

A questo punto la domanda non sarà più se Free Mobile riuscirà o meno a conquistare il mercato della telefonia mobile italiana, ma quanti milioni di clienti toglierà a TIM, Vodafone e Wind Tre nei prossimi anni.


Per non perdere nemmeno un aggiornamento, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

Advertisements

Potrebbero interessarti anche...

10 Risposte

  1. rosanero ha detto:

    ho quattro numeri: due con tim, vodafone e tre che tra poco passerò in Free Mobile, moltiplica per tutti quelli che lo faranno e vedrai sti cessi dei 28 gg e rimodulazioni varie come piangeranno ah ahah a

  2. jobplaza ha detto:

    Vorrei fare una domanda (alla quale penso di avere, purtroppo, una risposta che mi auguro sia sbagliata ):
    Sarà un operatore dotato di rete propria? Spero di si, diversamente vedo difficoltà oggettive, almeno per il momento, per raggiungere l’ambizioso obiettivo di conquistare una share del 25% del mercato nazionale. La mia personale esperienza con MVNO è purtroppo durata pochissimo, proprio al fatto che la qualità dei servizi ricevuti era persino più bassa dell’esiguo importo pagato. E’ pur vero che in italia abbiamo più sim (linee) che abitanti e tutto sommato una prova del servizio la faremo volentieri

  3. Federica ha detto:

    Sono proprio stufa di dover stare attenta ad ogni piccolo cavillo con i nostri maledetti operatori. Ma come si fa a mettere a pagamento anche servizi essenziali come l’avviso se qualcuno ti ha cercato quando non eri raggiungibile? Io l’ho disattivato per non regalargli nemmeno un centesimo in più ma sono sempre con l’ansia di perdere qualche telefonata importante. Siete veramente dei maledetti!!

  4. Vincenzo ha detto:

    A casa mia ci sono almeno 10 linee che attendono!

  5. Lykanos82 ha detto:

    “Rimodulate siore e siori” che tanto tra poco la pacchia finisce… i polli non si faranno più spennare…. che sia 4G o 4G+ la gente passerà a Free in massa!

  6. Marco Generosi ha detto:

    Il problema è che con soli 35 MHz di frequenze avranno un 4G completamente saturo, e non potranno mai fornire una 100 mega se non in 4G+ obbligatorio!

  7. Massimo ha detto:

    Non avete nemmeno l’idea di quanto godrò (passatemi il termine) nel vedere i nostri cari operatori perdere milioni di clienti nel giro di pochi anni. Continuate a rimodulare, finché potrete, perché tra qualche mese riderete poco 😉 Con affetto. =D

    • Redazione ha detto:

      Questo sarà effettivamente un aspetto da tenere in considerazione e da scoprire quando debutteranno. In Francia puntano molto sul 4G+, come riportato anche dai nostri report mensili sullo stato della loro copertura di rete, i principali investimenti li stanno facendo proprio su bande adatte al 4G+… Staremo a vedere.

    • rosanero ha detto:

      pochi anni? io dico pochi mesi…. 😉

      • jobplaza.it ha detto:

        Sinceramente non credo ci sarà quella grande emorragia di utenti. Gli operatori canonici si stanno già adeguando con offerte micidiali (almeno nel mio caso lo è stato). minuti illimitati e 10gB in 4G a 10 euro al mese. L’italia è un bel mercato, ma difficile per i newcomers.

Dì la tua o Rispondi ad un commento...