Colao (Vodafone), meno preoccupato di Iliad che di Wind Tre e TIM


Vittorio Colao, CEO di Vodafone, sembrerebbe preoccupato  per la crescente competizione che si sta creando in Italia, con una guerra dei prezzi ripartita per tentare di frenare l’arrivo di Iliad (previsto a fine anno nel nostro Paese).

Vittorio Colao

Secondo indiscrezioni che trapelano da un recente pranzo organizzato dallo stesso Colao e Aldo Bisio (AD di Vodafone Italia), con alcuni investitori a Milano, si sarebbe parlato degli ottimi risultati della filiale italiana (dove il colosso anglosassone ha registrato uno dei maggiori tassi di crescita) e l’incertezza sul futuro, per via della forte concorrenza degli altri operatori mobili.

Per il CEO del gruppo, la preoccupazione non arriva tanto dai francesi di Iliad, che entro l’anno dovrebbero lanciare i loro servizi nella telefonia mobile in Italia, ma dalla crescente competizione creata da Wind Tre e TIM, come non accadeva da anni (che è comunque stretta conseguenza dell’arrivo di Iliad).

Insomma, tra le offerte dei tre principali operatori mobili e quelle dei MVNO (come Kena Mobile, di proprietà Telecom Italia) il futuro non sembra più così roseo per Vodafone, che si troverà ad affrontare rivali sempre più agguerriti sul fronte dei prezzi e chissà se basterà la sventolata qualità offerta ai propri clienti, per non perderne in favore magari proprio dell’ultimo arrivato.


Per non perdere nemmeno un aggiornamento, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

Advertisements

Una risposta

  1. Revolt ha detto:

    La filiale italiana del gruppo Vodafone è in costante perdita di clienti mobili da almeno un decennio. Non a caso, è da parecchio che nei bilanci omettono il dato di tali utenze che attualmente si aggirerebbe sui 23 mln, il minimo storico (la sola Wind ne ha quasi 22). Si consolano con un ARPU altissimo, dovuto ai prezzi esorbitanti a cui costringono i propri (coraggiosi) clienti. Qualora l’emorraggia si aggravi con la nuova guerra sui prezzi, gli resteranno solo le briciole. Da qui la grande preoccupazione. In soldoni se la passano malino. Non è tutto oro quel che luccica.

Dì la tua o Rispondi ad un commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: