Aumentano gli investimenti sulla banda ultra larga fissa e mobile in Francia


La crescita della banda larga ad alta velocità e il 4G saranno due dei temi principali di questo 2017 in Francia, Paese dove gli investimenti in questo settore aumenteranno rispetto agli anni passati.

A premere per una accelerazione c’è sicuramente l’ARCEP (il regolatore francese delle tlc), mentre da parte loro, gli operatori del Paese fanno sapere che fino ad oggi hanno fatto già molto. I dati del 2016 parlano chiaro: Orange ha investito 3.3 miliardi di euro; SFR circa 2.3 miliardi; Iliad 1.3 miliardi e Bouygues Telecom 800 milioni di euro.

Se si parla solo in termini di spesa assoluta, Orange sicuramente si conferma primo per l’investimento fatto, ma se si considera quanto è stato investito in percentuale al giro d’affari di ogni singolo operatore, in realtà è Iliad il gruppo che – con il suo 27% – ha investito più degli altri.

Investimento operatori francesi

Investimento operatori francesi – Fonte: Les Echos

Corsa alla copertura 4G. Nella telefonia mobile, la “guerra” sull’espansione del 4G/LTE è in pieno corso. I quattro principali operatori hanno accelerato il dispiegamento di antenne dedicate alle frequenze per la banda larga mobile. Nel 2016 che si è da poco chiuso, più di 6.600 siti sono stati attivati, un record.

Bouygues Telecom e SFR, in particolare, sono quelli che più hanno investito: solo il primo operatore citato ha superato le 10.000 antenne messe in servizio nel 2016 e ora copre l’85% della popolazione. La maggior parte degli sforzi sono dedicati alle aree scarsamente popolate, dove l’operatore investe in comune con SFR. Quest’ultimo nel corso del 2016 ha raddoppiato il numero delle installazioni 4G e portato la copertura della popolazione all’81%.

4G Orange

Orange si conferma leader nel 4G con – al primo gennaio 2017 – l’88% della popolazione coperta (dati comunque molto simili tra i primi tre operatori). Free Mobile, nonostante i grandi investimenti e la forte crescita nel 2016 a livello di installazioni, al momento rimane ultimo per copertura LTE (va ricordato che l’operatore è attivo sul mercato da soli 4 anni rispetto ai concorrenti) con il 73% della popolazione al 30 settembre 2016.

Fibra ottica. Nel fisso, Orange e SFR detengono la leadership. SFR ha oltre 2 milioni di clienti nella banda larga contro 1,3 milioni di Orange. La differenza sostanziale tra i due è però che Orange installa ai propri clienti la FTTH (Fiber To The Home), quindi la fibra fino all’appartamento, mentre SFR a quasi il 90% dei suoi clienti installa la FTTC (Fiber To The Cabinet), ovvero letteralmente “fibra fino all’armadio”, per poi proseguire con il classico collegamento in rame fino all’appartamento.

Free (Iliad) ha accelerato negli ultimi due anni sulla Fiber To The Home, totalizzando quasi 300.000 clienti fino ad oggi, mentre Bouygues Telecom conta solamente 100.000 abbonati FTTH. Da parte di tutti e 4 gli operatori c’è la conferma all’ARCEP che il 2017 sarà l’anno degli investimenti sia sulla banda larga fissa che mobile e siamo sicuri che Iliad sarà tra i protagonisti in tal senso.

Advertisements