Benedetto Levi (Iliad): Ci stanno ostacolando in tutti i modi. Lancio entro l’estate


Dopo il tweet di ieri, in cui Benedetto LeviAd Iliad Italia – segnalava quanto scoperto dall’Antitrust, ovvero un “cartello” tra i principali operatori italiani (Vodafone, TIM, Wind Tre e Fastweb) ai danni dei consumatori (il nostro articolo con tutti i dettagli), torna a parlare del debutto in Italia in una breve intervista a Business Insider:

Contiamo di debuttare entro l’estate. I clienti non vedono l’ora, al contrario degli altri operatori telefonici, che ci stanno ostacolando in tutti i modi

Levi non le manda a dire agli operatori concorrenti e a domanda, su come stanno ostacolando Iliad, risponde:

Per esempio cercando di vincolare i clienti proponendo loro offerte da 24 mesi, così da bloccarli di fatto impedendo di passare a Iliad. Ma c’è anche chi, come Vodafone, alla fine del 2016, ha tentato di ostacolarci depositando all’ufficio brevetti il marchio Free, che è quello che il nostro gruppo utilizza in Francia per operare. Ma non ci fanno paura. Anzi, non vediamo l’ora di debuttare in Italia”.

Sul fronte tariffe, quello che più interessa i consumatori italiani, Levi spiega che verranno proposte “tariffe semplici e trasparenti” riducendo i prezzi per davvero, cioè eliminando tutti i costi nascosti che attualmente propongono gli altri gestori

le nostre tariffe saranno più basse ma anche trasparenti e semplici da capire.

Dunque entro questa estate scopriremo finalmente quale sarà l’offerta tariffaria che Iliad proporrà a tutti i consumatori italiani.

Rimane confermata la nostra anticipazione dei giorni scorsi, con il documento inviato all’AGCOM e ai vari gestori telefonici, dove Iliad comunica l’apertura dei processi di portabilità dal 2 aprile 2018 e chiede che tutti i gestori siano pronti per quella data.

LEGGI ANCHE: Xavier Niel, nessuna discussione in corso con gruppo GEDI

Come abbiamo già avuto modo di segnalare, non significa naturalmente che il nuovo operatore debutterà in quella data, ma semplicemente che tutti i sistemi dedicati alle MNP dovranno essere abilitati dal 2 aprile 2018, qualsiasi sarà il reale lancio del nuovo gestore.

Mentre chi segnalava un possibile lancio di Iliad il 26 marzo scorso (mai avvenuto) lo faceva sapendo di pubblicare puro gossip senza basi concrete, in questo caso si parla di un documento ufficiale disponibile in AGCOM e che abbiamo potuto visionare.

L’attesa non sarà comunque ancora lunga e nei prossimi giorni sono in arrivo delle novità interessanti che non mancheremo di pubblicare su queste pagine.


Per rimanere informato con le nostre news e anteprime esclusive unisciti alle oltre 2.160 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

Advertisements

6 Risposte

  1. Vincy Misterx ha detto:

    Ottimo, che si iniziino a far le cose decentemente. Interessante ,hanno pure le loro infrastrutture,io cambierò di sicuro. In Francia vanno molto bene.

    Per Valter non dire puttxxxxate…per cortesia.
    Esiste un iter ben delineato, che parte dal momento in cui tu contrai un debito con un operatore /finanziaria di qualunque natura…. alle a 4 di mattina non verrà nessuno, non sono i nas.
    Gli SDD li blocchi a chiunque tu viglia,ovviamente poi ci saranno delle conseguenze in base all’importo dovuto,ma dopo circa 4/5 mesi la pratica viene affidata ad una società di recupero crediti….. solitamente Maran o Fire per bollette e telefonia. Prima verranno inviate lettere di insoluto. Una volta che la pratica è in gestione ad un recupero credito che,ricordo ha valenza e poteri giuridici pari alla tavoletta del wc e che con fantomatiche apocalissi ,propinate per telefono e a volte al citofono, pure a parenti e sul posto di lavoro raramente (in questi casi denunciate, poiché esistono sentenze ed e’ illegale tale pratica,non possono) ti verranno predette conseguenze disastrose e apocalittiche,spacciandosi per sedicenti dottori, avvocati,polizia stragiudiziale..ecc….basta mandare a zappare,diffida via raccomandata o se di persona ,chiamate le forze dell’ordine,vedi come si dileguano.
    Nessuno viene a romperti le palle a casa tua…. imparare a difendersi. Grazie
    Successivamete dopo mesi/anni di recupero crediti, ci sarà il decreto ingiuntivo, poi il precetto e il pignoramento emesso da un giudice. Ciccio a casa tua alle 4 non viene nessuno….per debiti di natura civile. Pertanto astieniti dal terrorismo psicologico. Lavori nel settore per caso?
    Grazie documentati.

    • Valter ha detto:

      Probabile che la “trafila” non sia quella che scrivo ma sarebbe stato sufficiente raccontare come stanno realmente le cose e in modo urbano senza cercare una lite che non avrai.

      Se poi preferisci “risparmiare” 50-60€ con lo scotto di mesi-anni di rotture di scatole per poi dover pagare comunque, ti ricordo che la vita di tutti noi non è una “prova teatrale” ma una “prima” e perderne una parte, oltretutto con torto, è quantomeno da stupidi.

      Chi legge trarrà le proprie considerazioni… ciao furbone…

    • dobale ha detto:

      Alle 4 di mattina i NAS dormono. Arriva il GIS, il ROS, il NOCS calandosi dal tetto di casa! Facciamoci una risata, ognuno è responsabile delle proprie azioni. Buona Pasqua a tutti! 🙂

  2. Valter ha detto:

    Ben vengano le “novità interessanti”, ma mi basterebbe vedere attivo (oltre al sito istituzionale che ha due uniche news di luglio 2016 e gennaio 2018 e malgrado abbia inserito una eMail non ha sfornato alcun comunicato… che cosa l’hanno messa a fare l’opzione se imparo più da voi che da loro?) il sito retail anche senza offerte al pubblico… giusto per far capire che non è un bluff…

    Poi magari tra una settimana o 6 mesi partono, ma intanto facessero capire che esistono e non sono degli ectoplasmi… o hanno studiato marketing su Topolino..? 😉

    Non sono avvezzo ai social quindi se vi capita fate presente all’AD quanto scritto… e che è ora di smettere di lamentarsi e al contrario darsi una “smossa”.

    In ogni caso, grazie! 😉

  3. Enrico Bc65 ha detto:

    Non ci saranno vincoli che almeno a me mi fermano in quanto io spavaldamente stacco i rid ed emigro a Iliad. Mi fanno tutti un baffo e non pago assolutamente nulla a nessuno se mi cercano….

    • Valter ha detto:

      Se stacchi i relativi SDD (i RID non esistono più) per non pagare penale e quant’altro per prima cosa non ti permettono la portabilità (ammesso ti interessi) lasciandoti col cerino in mano.
      Se la portabilità non ti interessa, mantengono il contratto attivo per un certo periodo (non ricordo le tempistiche, credo 6 mesi, ma tu continui a pagare interessi passivi sul debito) poi lo chiudono e affidano la pratica a una ditta di recupero crediti che dopo un po’ cercherà appunto di recuperarlo: se ti fai di nebbia, arriva una ingiunzione e se non paghi tutto comprese le penali, more e tutte le spese della pratica (facilmente triplica o più l’ammontare originario), arriva qualcuno che tenta un sequestro riparatorio. Se continui a farti di nebbia, sentirai suonarti il campanello alle quattro di mattina per essere sicuri di trovarti in casa. Vedrai che dopo la prima volta ti passa la voglia di questi giochetti che da “spavaldo” ti faranno diventare “pis..la”… paga la tua penale e continua a vivere spensierato, che è meglio…

      Ovviamente questo è solo un consiglio, se ti vuoi scornare libero di farlo. 😉

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: