Anche Fastweb, dopo Iliad, sceglie Comdata per la gestione del Servizio Clienti (che dalla Romania trasloca in Italia)


Sarà una pur semplice casualità, ma le ultime strategie di Fastweb sembrano sempre più “ispirate” a quanto Iliad fa già con successo in Francia e proporrà a breve in Italia, ovvero trasparenza tariffaria (senza costi nascosti) e Servizio Clienti tutto italiano.

Se sul primo aspetto il percorso è già partito da diversi mesi, sul secondo la novità è proprio di oggi. In un comunicato diffuso da Fastweb, è stato annunciato un accordo triennale con Comdata, per la gestione delle attività di assistenza tecnica e commerciale ai clienti Fastweb appartenenti ai segmenti residenziali, Soho Professional (Shp) e Small Business.

Lo stesso gruppo che gestirà anche il Servizio Clienti di Iliad (notizia che vi abbiamo dato in anteprima lo scorso gennaio) insieme a Teleperformance.

L’accordo siglato tra le due società prevede il graduale trasferimento, da completarsi entro il 30 settembre 2018, delle attività di assistenza fornite ai clienti Fastweb dalle sedi Comdata situate in Romania verso le sedi di Cagliari e Lecce. Grazie all’accordo saranno riportate sul suolo nazionale le attività svolte da circa 220 operatori di call center con la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro in Italia.

Nel comunicato, Fastweb spiega che con questo accordo “rafforza così le sue attività di assistenza clienti, all’insegna di una maggior responsabilità sociale e della massima qualità del servizio di gestione dei propri clienti, in linea con quanto previsto dal Protocollo di Autoregolamentazione promosso dal Ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, sottoscritto dai principali committenti delle attività di Contact Center lo scorso 4 maggio, al fine di garantire la presenza nel Paese di un’industria dei servizi di Customer Care professionale, di elevata qualità, concorrenziale ed economicamente sostenibile”.

L’imminente arrivo di Iliad sembra proprio aver spronato diversi operatori a fare meglio o a proporre tariffe sempre più vantaggiose per i clienti (ma, in alcuni casi, anche vincolanti). Un primo grande passo per cui non possiamo non ringraziare la Commissione Europea, quando nel 2016 ha deciso di affidare alla società fondata da Xavier Niel, di sbarcare nel mercato della telefonia mobile italiana.

via mvnonews.com


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle oltre 2.710 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

3 Risposte

  1. Loris Zanetti ha detto:

    Se saranno promo che siano veramente promo, perche le promo che fanno si assomigliano tutte un copia incolla. Non solo accontentare chi vuole più giga a minor prezzo, ma anche chi vuole spendere meno con pochi giga e pochi minuti. È le tariffe a consumo , improponibili, troppo sbilanciate rispetto al costo delle promo. Non è possibile pagare 30 centesimi al minuto rispetto alle promo di uno o due centesimi al minuto

  2. ALbert Zimm ha detto:

    continuate ad autocelebrarvi e attendete ancora un pò, dopo una miriade di chiacchiere, la gente inizierà a stancarsi ancora prima che arriviate sul mercato !

  3. Domenico ha detto:

    Ma che ci vuole, svegliaaaaaa Iliad

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: