Chi sale e chi scende nella telefonia mobile in Italia al 31 marzo 2018


In attesa degli aggiornamenti successivi al lancio di Iliad, ecco la situazione nel settore della telefonia mobile italiana nel primo trimestre 2018 (secondo gli ultimi dati disponibili, forniti da AGCOM al 31 marzo 2018).

Le SIM complessive attive in Italia sono 100,6 milioni, di cui 83,4 milioni SIM “Human” * e 17,2 milioni di M2M. I tre principali gestori italiani si spartiscono quasi equamente il mercato, con una quota del 30,8% per Wind Tre e TIM e del 30.2% per Vodafone (8.2% per i MVNO).

Se si prendono invece solo in considerazione le SIM “Human” *, Wind Tre detiene il 35% di quota di mercato, TIM il 28.6% e Vodafone il 26.7% (9.7% per i MVNO).

Linee telefonia mobile Marzo 2018

Chi sale e chi scende

Rispetto al trimestre precedente (dato calcolato su SIM “Human”) ecco chi sale e chi scende:

  • Wind Tre: 29.190.000 (↓) (-342.800 linee)
  • TIM: 23.852.400 (↓) (-143.000 linee)
  • Vodafone: 22.267.800 (↓) (-133.500 linee)
  • MVNO: 8.089.800 (↑) (+203.200 linee)

Il caso Kena Mobile

Con questo primo report trimestrale del 2018 l’AGCOM informa che il numero di linee appartenenti a Kena Mobile (l’operatore mobile virtuale voluto da TIM per contrastare l’arrivo di Iliad sul mercato italiano) non saranno più inserite nel dato globale dei MVNO (Mobile Virtual Network Operator), dove è giusto che siano, ma inglobate in quello di TIM.

In pratica, le 300.000 linee dichiarate da Kena Mobile nel marzo 2018 (ad un anno esatto dal lancio) rientrano nel dato complessivo di TIM, senza le quali nel primo trimestre 2018 avrebbe avuto circa 443.000 linee in meno rispetto a fine 2017.

Ci domandiamo come mai AGCOM ha accettato questa condizione, invece che fornire dati separati e reali, come dovrebbe fare una Autorità delle telecomunicazioni indipendente.

In questo modo, inoltre, viene penalizzata ulteriormente la categoria degli operatori mobili virtuali, con dati che da qui in avanti non corrisponderanno alla realtà, perché privati di quelli di Kena Mobile (che, appunto, è un MVNO, seppur di proprietà TIM).

via mvnonews.com

* Ovvero tutte le SIM, comprese quelle “solo dati” ma con interazione umana (es: internet key, SIM in tablet…) con esclusione delle M2M (Machine to Machine).


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle oltre 6.330 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

14 Risposte

  1. bifax ha detto:

    Pechè creare dei “secondi brand” (Kena e Ho) con una identity che li porta ad essere quasi irriconoscibili ed alternativi rispetto al main brand Tim e Vodafone? Non potrebbe considerarsi una mancanza di trasparenza verso i consumatori meno informati? Uno dá solo 3g, l’altro limita a 60 in dw, ma per la trasparenza, questo in pubblicitá mica lo dicono, chissá come mai ad Agicom, questa “manchevolezza” va bene. Che quest’ultima sia per caso “sponsorizzata”?

    • bifax ha detto:

      Della triade manca i terzo polo: Wind/H3G che ha deciso oggi di rimodulare dal giorno 1Ottobre di 2,50€ Parlando di chi sale e chi scende ci divertiremo a leggere a fine anno i dati di quest’ultima. La triade stá effettuando il “suicidio commerciale” con i suoi utenti. Contenti loro….

    • Andrea ha detto:

      Questa omissione fa parte del sistema, Iliad invece no, quindi, siamo nella normalità, non noto nulla di strano; inoltre, L’AGCOM è uno dei tanti a cui sembra andare bene.

  2. Andrea ha detto:

    Nel campo delle telecomunicazioni, se qualcuno si fosse comportato correttamente, questo sistema non sarebbe ancora in piedi, quindi, io non mi fido più né degli operatori, né di tutti gli enti e associazioni che avevano il compito di tutelare i clienti o garantire il giusto equilibrio tra le parti.
    Vergognatevi tutti.
    La mia fiducia c’è ancora, ma è rivolta solamente a Iliad.

  3. Daniele Bodrone ha detto:

    Io purtroppo ho avuto una pessima esperienza con iliad, che in 20 giorni lavorativi non sono riusciti a risolvere un banalissimo problema di portabilitá. I loro “tecnici” dell’assistenza si limitavano a dire di attendere 2 giorni lavorativi. Questo facendo passare oltre un mese dalla mia richiesta che risultava sempre in corso e non andava mai in ko.
    Quindi ho lasciato iliad e sono passato a un altro gestore in 1 giorno e mezzo ho avuto la portabilità.

  4. marco ha detto:

    Da circa un mese ho lasciato Wind (dopo 3 anni) per Iliad, è mi trovo bene sotto ogni punto di vista(abito a castel Gandolfo vicino roma) . La cosa importante che ho notato è il credito residuo che non scende mai, al contrario della Wind che ha lo scatto alla risposta credo. È non erano mai 8 euro ma quasi 13 al mese.

  5. Fabio ha detto:

    Se vogliamo fargliela capire a agcom basta passare tutti a Iliad cosi capiranno una volta per tutte.
    Tim, vodafone wind e 3 Hanno fatto cartello contro i consumatori e lo stesso sulle rimodulazioni e adesso? Non sanno più che pesci pigliare.
    Kena essendo di gestione Noverca non dovrebbe essere i corporata a tim, segno evidente di imparzialità evidente da parte di agcom.
    Kena, noitel, e tutti quei operatori che ai appoggiano alle infrastrutture NOVERCA devono essere considerate come un operatore. Basta vedere il codice operatore che risulta lo stesso.
    Il codice operatore é stampato sulle sim non è lo stesso di tim, basta leggere il codice ICCD della sim.
    Ad ogni modo W ILIAD.

  6. bifax ha detto:

    Aspettiamoci che per Agicom “Ho mobile” venga inglobata in Vodafone nel secondo trimestre!!! E Poste Mobile primo MVNO con quasi mezzo milione di sim attive non lo considera Agicom? Mi domando in quale modo riusciranno a barare nel terzo trimestre!!!

  7. Luca82 ha detto:

    Ma scusate non è giusto, perché con la triade l’agcom ha sempre trattamenti di favore??? E poi kena è si di Telecom ma di fatto un full mvno di noverca e da quel poco che ne so ha una gestione completamente indipendente delle sim, perché gli deve essere concesso che le sim facciano numero in tim. Non lo trovo giusto. E se iliad sbaglia solo di una virgola in uno spot succede un putiferio. L’agcom che dovrebbe vigilare sulla correttezza degli operatori non mi sembra più molto credibile ne tanto meno imparziale. Scusate lo sfogo ma non se ne può più di sentire certe cose

  8. dobale ha detto:

    Tim con kena, e stesso “giochetto” lo farà Vodafone con ho.. Le strategie si avvalgono anche della conoscenza dei “numeri”. Ridiamoci su! 🙂

  9. Antonio ha detto:

    La TIM è fallita già da molto tempo. Se mi regalano una sim gratis a vita la rifiuto.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: