Sicurezza Simbox Iliad: le SIM sono attivate solo dopo verifica, rispettando le norme antiterrorismo


Quella sulla sicurezza delle Simbox Iliad, è una polemica che rasenta sempre più il ridicolo, soprattutto se promossa da competitor e finisce per coinvolgere politica e politici, che nemmeno sono a conoscenza del processo di attivazione di una nuova SIM del gestore che ha esordito sul mercato lo scorso 29 maggio.

Facciamo quindi chiarezza una volta per tutte, perché di confusione, almeno a leggere anche diverse testate cartacee e online, se ne sta facendo davvero tanta.

Processo attivazione SIM Iliad

Come spiegato già al lancio di Iliad, il processo di attivazione di una nuova SIM tramite Simbox è semplice e sicuro. Chi vuole attivare una nuova utenza, una volta avviato il processo di richiesta tramite Simbox, dovrà scansionare il proprio documento di identità e registrare un video. Alla fine di tutti gli step proposti a schermo, la SIM verrà emessa.

E qui arriva il punto cruciale che a molti sfugge e sulla quale è partita una polemica davvero inutile: la SIM emessa dalle Simbox è inizialmente inattiva!

Secondo quanto comunicato da Iliad, le informazioni raccolte da Simbox (dati intestatario SIM tramite scansione documento di identità e videoregistrazione) vengono immediatamente inoltrate e verificate da un operatore (quindi una persona fisica reale) che, da postazione remota, controlla la congruenza di quanto dichiarato e confronta i dati e la foto del documento di identità con la registrazione video.

Solamente dopo questa verifica la SIM viene attivata, come ci è stato confermato dall’azienda ancora una volta oggi. Non a caso, non sono mancate segnalazioni di utenti che hanno lamentato una mancata attivazione per incongruenza dei dati forniti (a volte, semplicemente una foto datata della carta di identità rispetto al volto visualizzato nella registrazione video).

E’ proprio a causa di questo controllo da remoto, che la SIM Iliad una volta emessa da Simbox può risultare attiva dopo poche decine di minuti o nel giro di diverse ore. Tutto a causa del numero di richieste inoltrate in un determinato momento.

Dunque quale sarebbe questo rischio sicurezza? La legge Pisanu, in questo modo, è totalmente rispettata e anzi, come dimostrato da diverse inchieste degli ultimi anni, è indubbiamente più facile trovare rivenditori di altri gestori pronti ad intestare SIM ad ignare persone (come lo scandalo avvenuto nel 2017 con Lycamobile).

Precedenti inchieste, come quella delle Iene di qualche anno prima, avevano coinvolto rivenditori di SIM TIM, Wind e Vodafone: anche in questi casi venivano attivate SIM anonime (registrate a persone ignare, a volte anche decedute), senza troppe difficoltà.

Dunque, se un terrorista volesse acquistare una nuova SIM anonima, sicuramente gli basterebbe trovare il negozio o meglio il negoziante giusto e difficilmente andrebbe ad attivarsi una SIM Iliad tramite Simbox, sapendo che rimarrebbe anche una traccia video della sua identità.

LEGGI ANCHE: Aumento MNP in uscita da Vodafone dopo lancio Iliad

Che la crescita di Iliad stia dando fastidio è ormai palese, d’altronde totalizzare oltre 1,2 milioni di utenze in meno di due mesi, è davvero un record mai visto fino ad ora in Italia, ma coinvolgere anche la politica, appare ai più solo come l’ennesimo tentativo di ostacolare un concorrente che sta dando fastidio e sta intaccando numero clienti e ricavi.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle oltre 6.670 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

11 Risposte

  1. cip ciop ha detto:

    di maio è un tontolone che dove tira il vento lui và, quello che dice salvini gli lecca il sedere😂 insomma queste sim box sono più che legali, cosa cambia da un negozio fisico? se ti vogliono fregare lo fanno anche con la commessa, di maio il tontolone vuole creare posti di lavoro fregando iliad ad aprire negozi fisici, così facendo alzano le tariffe e noi clienti stiamo nella 💩 di maio da incentivi ai giovani per produrre posti di lavoro e no rubando alla povera iliad….

  2. Julia ha detto:

    Ho la SIM Iliad da più di 1 mese e mio marito da oggi. Io non ho mai avuto problemi di alcun tipo ma quando mio marito ha provato a chiamare un suo collega dava l’errore del numero. Ho provato con il mio e da la stessa risposta. Invece con le altre sim di altre compagnie telefoniche non c’è nessun problema.
    Abbiamo segnalato questo problema a 177.
    C’è qualche utente che ha avuto lo stesso problema?

  3. bifax ha detto:

    In risposta a gino. Il gigetto una persona credibile? Hem…. Comunque tornando in tema d’argomento, il gigetto si é preso 1.200.000 pernacchie dopo questa sua considerazione basata solo sulla sua disinformazione

    • gino ha detto:

      E’ indubbio che la vicenda lo ha relegato in una posizione invisa ma la buonafede gliela faccio passare: chi lo consiglia è un giano bifronte che ha a cuore, in alcuni casi, proprio fargli fare queste figure barbine. Ciao

      • bifax ha detto:

        Credimi, é solo farina del suo sacco. Ai livelli del Gigetto, se ti esponi é solo perché hai un cervello pensante, non perché un giano bifonte ti imbecca. In un nanosecondo si é ritrovato 1.200.000 (possibili) elettori contro, un bel volpino per una figura barbina. Ma sceso dalla visita al renziforce, non poteva andare in aeroporto a testare la simbox di persona? Sarrbbe stata una grande immagine popolare

        • gino ha detto:

          Certezze non ne ho -è un uomo, quindi potenzialmente curruttibile- (spero che quell’uscita sia il frutto dell’ ignoranza provocata da chi lo consiglia e quindi uno scivolone, secondo me, in buonafede) ma l’ambiente in cui si è insediato è un covo di giani bifronte senza ombra di dubbio.
          Saluti

  4. Cristina Bravetti ha detto:

    Ciao a parte che bei negozi di chiunque,che sia Tim, Vodafone Tim ,e nn patlianp di 3 che a me personalmente e successo che con la mia carta di identità,iktr oltretutto persa o rubata,cmq è stato attivato un cintrconta mio nome anni fa,ma cmq anche tutt’ora se tu vai ,ok ti prendono il documento e fanno la fotocopia,poi ti danno la sim e stop,e alla fine è ciò che fa Iliad quindi io sono con Iliad da un mese ormai è ho anche una sim Vodafone che passerò a Iliad ottima … spero che presto ci sia pure x il WiFi portatile x casa e immediatamente lo attiverò e lascerò Wind

  5. Mauro ha detto:

    Avevo segnalato tempo fa che, nella zona dove abito, la funzione di telefonia era totalmente assente in quanto il telefono rimaneva in 4g e risultava impossibile fare e ricevere telefonate.
    Da stamattina sembrerebbe che abbiano risolto, anche se è prematuro dare un giudizio definitivo è comunque una buona notizia.
    Ci sono voluti 2 mesi e un bel po’ di chiamate al 177 ma alla fine sembra che il problema del 4g che non switchava sia in via di risoluzione.
    Se le prossime settimane confermeranno il tutto rifarò la portabilità in Iliad, ero tornato in Wind perché senza telefono a casa non potevo stare.

  6. Paolo ha detto:

    Anche un bambino capirebbe che non esiste metodo più sicuro, viste le verifiche incrociate… eppure ancora si asseconda la triade (TIM, Vodafone, Wind Tre). Nonostante qualche disservizio, sempre più felice di essere passato ad Iliad.

  7. Francesco ha detto:

    Forza Iliad. Oggi ho richiesto Ben 4 sim

  8. gino ha detto:

    Ribadisco: il ministro Di Maio è una persona credibile ma facendosi imbeccare da chi è in malafede, su una questione di lana caprina, non gli fa fare buona figura: fuori gli artigli che la gente che ha goduto di prebende la vuole manipolare

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: