Ancora attacchi dalla politica ad Iliad, stavolta nel mirino il bando 5G


Non solo gli interventi dei competitor (vedi tutti i riferimenti e relativi link a fondo articolo), oltre quelli delle associazioni consumatori e il recente tentativo delle sigle sindacali di settore di creare un “caso Iliad”, ora ci si mette anche la politica, per voce di uno dei senatori italiani che negli anni ci ha più regalato gaffe sui social: Maurizio Gasparri.

In un tweet pubblicato oggi, il senatore di Forza Italia ha ribadito di aver presentato nei confronti di Iliad due interrogazioni su aspetti inquietanti, a tutela dei consumatori.

Tweet Gasparri

Non sono mancate le immediate risposte ironiche da parte di diversi utenti (come accade spesso su questo social network), incentivate anche dal fatto che il senatore ha citato nel suo tweet il profilo “Iliad” sbagliato, con qualcuno che gli ha fatto giustamente notare: “Mi sembra giusto. Vediamo cosa ha da nascondere questo che dice di essere imprenditore, architetto e artista…”.

Risposte al tweet di Gasparri su IliadTweet ironici a parte, è davvero anomalo tutto questo interesse della politica verso un operatore telefonico che sta operando secondo legge (le attivazioni delle utenze tramite Simbox avvengono in modo manuale, dopo verifica di personale addetto a questo, quindi rispettando tutte le norme relative alla sicurezza). Nei giorni scorsi sono state ben tre le interrogazioni nei confronti di Iliad.

In ordine cronologico, c’è stata quella della senatrice PD Annamaria Parente del 25 luglio (sempre su questione Simbox e occupazione), il giorno successivo la già citata interrogazione di Maurizio Gasparri (qui lo screenshot con il testo dell’atto) e quella dell’eurodeputato di Fratelli d’Italia Carlo Fidanza lo scorso 31 luglio (qui lo screenshot con il testo dell’interrogazione sempre relativa alla questione sicurezza delle SIM emesse tramite Simbox).

A chiudere il cerchio è appunto di nuovo il senatore Maurizio Gasparri, che questa volta se la prende con il Ministero dello Sviluppo Economico per via del bando di assegnazione delle frequenze 5G attualmente in corso.

La questione su cui polemizza il senatore di Forza Italia è quella legata al lotto di frequenze in banda 700 MHz che è stato riservato ad Iliad che, in qualità di nuovo entrante o remedy taker (come definito dalla delibera 231/18/CONS dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni), ha tutto il diritto di acquisire al prezzo della base d’asta.

LEGGI ANCHE: Tutti i dettagli sul bando 5G e chi vi partecipa

La realtà dei fatti è che Iliad si ritroverà a competere con altre società del calibro di Open Fiber, TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Linkem (alcune di queste con ingenti risorse finanziarie) per cercare di ottenere altri lotti di frequenze messi all’asta, dopo aver già investito non poco per l’acquisizione delle frequenze da parte di Wind Tre (come prevedono gli accordi con la Commissione Europea) e le licenze d’uso pagate allo Stato Italiano.

Una corsa tutta ad ostacoli per Iliad, tra grandi investimenti per il bando 5G e l’intromissione della politica, che continueremo ovviamente a seguire con tutti i dovuti aggiornamenti.

Peccato che i comuni consumatori italiani non usufruiscano di un plafond supplementare di 1.200 euro l’anno per il rimborso delle spese telefoniche, come accade per molti politici (qui l’inchiesta de L’Espresso), e non possono quindi che limitarsi a ringraziare l’arrivo di Iliad, un operatore che sta contribuendo all’abbassamento generale delle tariffe.


Iliad fa così paura? Gli ultimi articoli su questo tema:


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle oltre 7.150 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

10 Risposte

  1. Carmen ha detto:

    Esatto! Occorre capire! è una giusta e attenta riflessione! ma per capire si deve essere dotati almeno di intelligenza comune, vale a dire di intelletto adeguato! e, se non lo hai : non puoi capire.

  2. mirco ha detto:

    gasparri è un povero fallito, si corrompe facilmente è un bamboccione, sicuramente la tim o vodafone lo ha pagato bene, ma credere a gasparri è come credere a pulcinella, i politici di forza italia sono malavitosi e facilmente corruttibili.

  3. Carmen ha detto:

    La Stima è uno dei Valori più Nobili del Sentimento Umano. Una volta persa non si può più riavere. ILIAD per sempre! anche se, in futuro dovesse aumentare i prezzi.
    Da chi non stimo, non voglio memmeno i loro regali.

  4. Michele ha detto:

    Ragazzi..ma dico: GASPARRI?Suvvìa,siamo seri..

  5. bifax ha detto:

    Dall’ex capopopolo del Movimento Sociale Italiano MSI Maurizio Gasparri, in gioventú militante di estrema destra ed in seguito quaraqaqá noto a tutti per le sue gaffe, arrivó ad essere ministro delle telecomunicazioni tra il 2001 e il 2005. Se vogliamo… (!) Un minimo di infarinatura sull’argomento ce l’avrebbe. Mi stupisce invece il testo della sua interrogazione parlamentare, fatta di domande poste agli interlocutori parlamentari privi totalmente di cognizione di causa sull’argomento. É come se ad un simposio internazionale di cardiologi, dal palco ponessi la domanda: ” ma Donnarumma vale 45 o 70 milioni?”. É evidente che faccia da passacarte e ponga delle domande che gli sono state messe in bocca da (pensateci su). Ricordate gli anni e anni di vertenze Telecom sotto la sua gestione di ministro delle telecomunicazioni? Inutile dilungarsi, basta vedere in tv l’avvocato Gasparri per avere una tensione all’indice che preme un altro canale

  6. gino ha detto:

    L’interrogazione è presentata da uno che di credibilità ne ha meno di babbo natale, il che la dice lunga: un senatore, come lui (che fa ridere i polli con stitichezza conclamata) metterlo a disquisire su una materia, che dovrebbe mobilitare menti un po’ preparate (almeno), è perdere facile!

  7. Max ha detto:

    Anche se mi regalassero sim e credito,non tornerei mai a tim wind ecc ecc che aumentano tariffe a loro piacimento e ti inviano anche l’sms che se voglio sono libero di andarmene…si me ne vado,ma x sempre..e’inutile che continuate a richiamarmi dopo due giorni dalla portabilita’ ininterrottamente….via x sempre

  8. fsa ha detto:

    Assurdo! Si direbbero corrotti, non vedo altre spiegazioni.

  9. Roberto ha detto:

    Sto portando quanta più gente possibile in Iliad, con e senza portabilità. Spero che i vecchi gestori imparino la lezione e rivedano le loro offerte al ribasso. In ogni caso, anche a prezzo più basso… Iliad for ever.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: