Accordo Iliad e società delle torri INWIT: potrebbe essere questione di giorni



Erano dello scorso luglio le dichiarazioni dell’AD di INWIT – la società delle torri controllata da Telecom Italia – in merito ad un accordo con Iliad per l’affitto di oltre 11.000 siti su tutto il territorio italiano.

In occasione di una conference call con gli analisti, l’AD Giovanni Ferigo aveva specificato che:

Stiamo gestendo al momento gli aspetti contrattuali. Nel giro di giorni o settimane potremmo formalizzare l’accordo con loro

Oggi a tornare sul tema è il Sole 24 Ore, nella versione cartacea attualmente in edicola, in cui si parla di un accordo tra INWIT e Iliad che dovrebbe essere chiuso a giorni.

Si tratta indubbiamente di un tema di particolare importanza, visto che Iliad sta lavorando sulla sua rete proprietaria, che nei prossimi anni gli permetterà di essere sempre più autonoma dal roaming su rete Wind Tre, da cui attualmente dipende per offrire il servizio a tutti i suoi clienti (roaming che  potrà durare fino ad un massimo 10 anni).

Per avere una idea di come è attualmente composto il mercato delle torri in Italia, questa la situazione aggiornata ad inizio 2018.

Torri radio in Italia

Una volta andato in porto l’accordo con INWIT, Iliad potrà contare sugli oltre 11.000 siti gestiti dalla società del gruppo Telecom Italia, oltre a quelli di Cellnex Telecom (con cui è stato stipulato un accordo lo scorso febbraio) e naturalmente su tutti gli impianti ceduti da Wind Tre da qui fino al 2019.

Torri Galata - Cellnex

Distribuzione sul territorio Torri Galata – Cellnex (ex Wind)


Segui Universo Free anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale, unisciti al nostro canale Telegram e seguici nella grande community Facebook e Twitter. Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

18 Risposte

  1. Gaspare ha detto:

    Leggo sempre ché e questioni di giorni ma, di giorni e settimane ne sono passati, dite seriamente se l’accordo con Inwit si farà definitamenre e che finalmente ampliare il segnale ai livelli ottimali.

  2. dobale ha detto:

    Inwit è una società autonoma del gruppo Telecom Italia…si occupa della gestione e manutenzione dei suoi “siti”, luoghi dove ci sono i pali, i tralicci in ferro e di tutta l’infrastruttura fisica….poi su questi pali e tralicci vengono “imbullonate” delle antenne radio..
    Per Tim la cosa è semplice giocando in “casa”; gli altri possono richiedere l’affitto di un sito inwit (tower) per attaccare una loro antenna….oppure affittare direttamente anche l’antenna radio inwit…
    Le towers inwit sono una eredità sviluppata nel tempo, dall’ex monopolista SIP, Telecom Italia…quindi un infrastruttura strategica…
    Quindi su un traliccio o palo inwit possono trovare posto antenne di più operatori concorrenti…forse anche l’antenna di “radio Maria” mi verrebbe da dire….se la casa non è di proprietà, la si può affittare….Pietro “il Milanese” l’avrebbe spiegata meglio ‘sta storia….accontentatevi…grazie…????

  3. Barbara ha detto:

    Sono d’accordo con Franco: dall’articolo non si capisce cosa si intende per “affitto”. Poiché non tutti i lettori hanno necessariamente dimestichezza con gli argomenti trattati, una maggiore chiarezza sarebbe auspicabile

  4. dobale ha detto:

    Questo accordo, a mio parere, sotto tanti punti di vista, è di vitale importanza per il futuro “prospero” dell’Iliade…. ????

  5. Antonio ha detto:

    Sono stato costretto a ripassare a Vodafone senza aver potuto usufruire della vostra offerta, perché il segnale in molte zone della Campania è molto basso. Chi mi rimborserà della spesa che ho sostenuto .

  6. Franco ha detto:

    Potete scriverlo meglio l’articolo specificando che si tratta solo dell’affitto passivo, ossia, cositing su per permettere a Iliad di installare LE SUE ANTENNE su pali TIM e non roaming nazionale TIM?

    • Redazione ha detto:

      E’ scritto per questo motivo “affitto” nell’articolo, come spiegato anche altre volte in passato. 😉

      • Feiore ha detto:

        Credo abbia ragione Franco. Visto che l’accordo sta andando in dirittura d’arrivo, sarebbe il caso specificare meglio eventuali pro e contro. Compreso vari scenari possibili. Sono ancora in molti a credere ci possa essere un roaming attivo su Tim..

        • nastys ha detto:

          Praticamente sarà più o meno la stessa copertura (dipende da quali antenne decideranno di affittare, se non tutte) ma essendo BTS indipendenti, i clienti TIM non intaseranno la rete iliad e viceversa.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: