Roma Nord: proteste nel XV Municipio per l’installazione delle antenne Iliad



Nonostante molti stiano attendendo con impazienza il completamento della costruzione della rete proprietaria di Iliad (l’operatore di origine francese opera attualmente in ran sharing su rete Wind-3), c’è chi sta ostacolando la costruzione dei siti utili per la diffusione del segnale “proprietario”.

iliad antenna

E’ il caso di via Barbarano Romano, nel territorio del XV Municipio di Roma, dove i residenti si dichiarano piuttosto allarmati per l’installazione di una antenna che Iliad avrebbe richiesto tra i civici 6 e 10.

Il sito, posto a poche centinaia di metri dalla nota via Cassia, sorgerebbe infatti in un’area già densamente popolata da ripetitori di altre compagnie telefoniche, oltre che nelle immediate vicinanze di un parco pubblico e di un presidio sanitario piuttosto frequentato.

Secondo quanto riportato oggi da RomaToday.it, il malcontento giunge anche dal vicepresidente della Commissione Ambiente del XV Municipio Marcello Ribera, che afferma come la zona “non può sostenere un’ulteriore installazione“, e secondo il quale l’Amministrazione dovrebbe intervenire “per bloccare l’installazione“.

La richiesta inoltrata da Iliad, e datata 22 Agosto, è ora al vaglio dei pubblici uffici locali, mentre i cittadini avranno la possibilità di esporre le proprie idee e le proprie convinzioni.

Roma Nord risulta, tra l’altro, di un’area piuttosto interessata da nuove installazioni di antenne, sia per quanto riguarda quelle Iliad (che punta ad aggiudicarsi anche i siti di via Anguillarese presso Osteria Nuova e via Emery a Saxa Rubra), sia per altre compagnie, come nel caso dell’impianto della nuova SRB a Valle Muricana, dove i residenti hanno addirittura organizzato sit in e respingimenti di tir per impedire un’ormai annosa installazione.

Anche la stessa Vodafone è stata soggetta alle medesime critiche e lotte con i residenti, vedendosi sempre osteggiata la costruzione di una SRB (Stazione Radio Base) in via Viadanica a Monte Pietra Pertusa.

Insomma, la strada di Iliad risulta al momento in salita, dovendosi scontrare con comitati di quartiere o politici che siano. Ma occorre prestare attenzione: molte delle autorizzazioni di Iliad non riguardano l’installazione di nuovi ripetitori, quanto la riconversione di quelli già esistenti acquisiti dopo la cessione da parte di Wind-3. E’ stato ad esempio il caso di Riccione dove, in seguito ad una preoccupante interrogazione del M5S, si è poi scoperto che l’allarme “nuove antenne”, in realtà, non sussisteva.


Segui Universo Free anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale, unisciti al nostro canale Telegram e seguici nella grande community Facebook e Twitter. Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

14 Risposte

  1. Pietro ha detto:

    Io come sempre sono pungente. C’è da un lato ipocrisia: no nuove antenne ma il cellulare dovrebbe prendere anche sotto terra come dire botte piena e moglie ubriaca non funziona così. Tecnicamente una BTS emette circa 10W nelle aree urbane ma sono tutte su pali o su palazzi quindi distanti dalla gente (la copertura è ad ombrello) in 2 parole anche chi sta sotto a 50 metri nn “prende” più di qualche decina di mw da quell’antenna di contro in pochi sanno che sopratutto quando usiamo il cellulare con 1/2 tacche ci spariamo fino a 2W direttamente in testa! E poi propio i romani dovrebbero lamentarsi col papa perchè gli impianti di radio vaticana sparano megawatt e li si che c’è da preoccuparsi…ho letto di gente che gli si accendono le lampadine da sole (non è leggenda metropolitana). Se fossi al posto di Iliad io a sta gente direi non vuoi l’antenna bene tieniti il tuo gestore e di voi me ne frego gli spegnerei pure il ran sharing in quella zona così che continuino a pagarsi i tre ladroni invece di telefonare a 6 euro al mese illimitatamente.

  2. Simone ha detto:

    Se il problema di certa gente è una antenna, meritano di andare a vivere in una caverna isolati dal mondo… con tutti i problemi che ha questo Paese ci si lamenta di un pilone, bah!

    • Marco Generosi ha detto:

      Non è il fatto di un’antenna!
      Già a Roma (e confini) ci sono:
      – 846 antenne TIM 4G
      – 859 antenne Vodafone 4G
      – 807 antenne WindTre 4G
      Che solo loro fanno un totale di 2.512 antenne 4G.
      Ovvio che la gente incominci a scocciare ritrovarsi altre ulteriori quantitativi di antenne (se poi il servizio è già fortemente garantito da 3 operatori + Iliad già sotto rete WindTre 2G/3G/4G).

      Questo a ROMA.
      Vabbè che poi ci sono i paesini dove anche 1 antenna soltanto da fastidio (e quello è ridicolo), infatti qua ora mi diverto con Iliad (visto che ci sono molte aree dove 3 ebbe una grossa difficoltà nell’installare le sue proprio per gli stessi identici motivi).

      • dobale ha detto:

        L’accordo con inwit risolverà tutti questi problemi….. ????

      • Nicola ha detto:

        Mi faccia capire, fate storie per le antenne ma poi vi lamentate che lo smartphone non prende o che la connessione è lenta, queste storie dimostrano che in Italia c’è veramente tanta ignoranza nella gente…

      • Pignolo ha detto:

        Bologna

        Vodafone 380
        TIM 311
        Wind Tre 413

        Totale: 1104 antenne

        Superficie 160,86 km²
        Abitanti 390 198[2] (30-6-2018)
        Densità 2 425,7 ab./km²

        Roma

        Superficie 1 287,36[2] km²
        Abitanti 2 868 782[3] (30-04-2018)
        Densità 2 228,42 ab./km²

        … guarda numero di abitanti, superficie e densita … e avete pure il coraggio di lamentarvi..?

        Hai presente quella canzone scritta e cantata da Alberto Sordi?

      • Feiore ha detto:

        Marco ti meravigli di 2500 antenne? Ora con l’avvento del 5g ci sarà una profilazione di antenneb ovunque E con i soldi che stanno investendo non potremo nemmeno ribellarci… altrimenti come minimo ci sparano addosso.. .

        • dobale ha detto:

          La profilazione delle antenne forse la fanno in fabbrica…..
          Non è detto che ci sia poi, una proliferazione “selvaggia” ovunque delle antenne ……ricordo che c’è la legge e la burocrazia in Italia, per i pochi che l’hanno scordato????????

  3. Enrico ha detto:

    Chissà se lo sanno che fa più male uno smartphone in tasca in ricerca rete, proprio perché magari in quella zona è debole per mancanza di impianti, piuttosto che una antenna a decine o centinaia di metri con regole sulle emissioni tra le più rigide d’Europa…

  4. Luigi ha detto:

    Qualcuno gli faccia notare che gli fa più male l’inquinamento del traffico che hanno in quella zona piuttosto che una nuova antenna per la telefonia.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: