Kena supera il milione di linee, ma non bastano a salvare TIM dall’effetto iliad


Si è svolta oggi, nel primo pomeriggio, la conference call sui risultati finanziari del gruppo Telecom Italia relativi al terzo trimestre 2018, dove sono stati anche comunicati maggiori dettagli sull’andamento di TIM nel segmento mobile e dell’effetto che ha avuto l’arrivo di iliad.

Nonostante il buon andamento di Kena Mobile, l’operatore mobile virtuale “no frills” nato proprio per contrastare il nuovo entrante (e che ha da poco superato il milione di linee), per TIM quello chiuso il 30 settembre 2018 è stato un trimestre con il segno meno sul fronte del numero di linee nel segmento mobile.

Le SIM Human TIM (ovvero tutte le SIM, escluse quelle dati M2M – Machine to Machine – comprese quelle Kena Mobile) sono scese da 23.132.000 del secondo trimestre 2018 a 22.738.000 del terzo trimestre di quest’anno.

Per quanto riguarda la portabilità del numero, sempre nel trimestre in esame, TIM ha perso 182.000 linee, che diventano 351.000 linee se non si tiene conto del contributo apportato da Kena Mobile (+169.000), il cui dato viene sempre inglobato in quello di TIM.

Portabilità TIM terzo trimestre 2018Nei primi nove mesi del 2018 il contributo di Kena Mobile è ancora più evidente: TIM ha infatti perso 366.000 linee tramite portabilità del numero, mentre il suo MVNO ne ha guadagnate 327.000, portando ad un saldo negativo di sole 39.000 linee.

L’impatto di iliad è evidente anche da questo confronto: 351.000 linee in uscita in un solo trimestre (quello del confronto diretto con l’offerta di lancio del nuovo entrante), contro le 366.000 linee perse nei primi nove mesi del 2018 (da gennaio a quasi tutto maggio, senza iliad, le linee in uscita erano state pochissime).

Stando alla documentazione pubblicata oggi (vedi l’immagine poco sopra), TIM segnala che circa il 20% delle portabilità in uscita nel mese di settembre era diretta verso iliad (contro il 24% del mese di giugno), anticipando che ad ottobre c’è stata una ulteriore riduzione, ma omettendo il dato riguardante i mesi di luglio e agosto, decisamente più alto (come si può intuire anche dal grafico).

Per Amos Genish, CEO di TIM, il terzo trimestre è stato turbolento per il gruppo, soprattutto per due fattori avversi: “le decisioni dell’autorità di passare da una fatturazione di 28 giorni a quella di 30 a partire da aprile e l’entrata di iliad sul mercato italiano, che ha sconvolto le precedenti tendenze positive”.

Genish si ritiene comunque soddisfatto  del rallentamento registrato ad ottobre per quanto riguarda la perdita di linee tramite portabilità del numero, sostenendo che molte delle campagne aggressive viste fino ad ora si stanno concludendo e questo “potrebbe portarci ad una crescita dell’ARPU nel corso del 2019”.

Come segnalato da diversi analisti, TIM per il momento (e grazie soprattutto al contributo di Kena Mobile) è il gestore telefonico che ha meglio resistito all’impatto che iliad ha avuto nel settore, mentre non sembra sarà così per Vodafone e soprattutto per Wind Tre. Ma questo lo scopriremo a breve…

via mvnonews.com


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

8 Risposte

  1. Maurizio Tosetti ha detto:

    Non e’ un dato negativo , considerando la storia di questa compagnia…

  2. Michele ha detto:

    Chiedo scusa per l’off topic ma volevo segnalare una stranezza di cui sono venuto a conoscenza relativo alle sim Iliad:non è possibile ricaricare in automatico più di due sim intestate alla stessa persona con la carta di credito.La terza sim resta puntualmente senza credito.Fonte:servizio clienti Iliad.
    Qualcuno ha avuto esperienza in merito?Possibile che un sistema sia tarato in questo modo?

    • c.la ha detto:

      non saprei, ho 4 sim iliad intestate ma con ricarica manuale o addebito in conto. Però mi sembra strano, nel senso che non penso sia un limite tecnico dei circuiti di carte di credito

      • Michele ha detto:

        In effetti è una cosa piuttosto anomala,una delle operatrici interpellate ha detto che al limite per la terza sim il titolare della carta di credito potrebbe fornire un numero di conto sul quale effettuare l’addebito mensile.Cioè,se ho più di due sim e voglio il servizio di ricarica automatica devo fornire una carta e gli estremi del conto?Misteri..

        • Vincenzo ha detto:

          Spero di non dire castronerie, ma ricordavo di un qualche limite sulle domiciliazioni dirette che possono essere effettuate con carta di credito. Non è che magari, in base al circuito (o banca) ci sia un qualche limite a 2 o 3 domiciliazioni massime che possono essere effettuate verso la stessa azienda?

          • Michele ha detto:

            Non saprei,nelle condizioni generali di contratto della carta non se ne parla ed in passato non si è mai avuto alcun problema con gli addebiti continuativi sulla stessa.Credo sia piuttosto una politica di Iliad (che fatico a comprendere).

  3. Giuseppe ha detto:

    Tim deve cambiare politica di gestione e vertici se i risultati sono negativi.

  4. Giorgio ha detto:

    Non sono poche oltre 300.000 linee in tre mesi, se non era per Kena sarebbe stato un disastro ancora peggiore.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: