Venezia: boom di richieste (bocciate) per il 5G e impianti iliad


Non c’è vita facile a Venezia per gli operatori di telefonia mobile che vogliono ampliare la propria rete o iniziare i lavori per il 5G.

Secondo quanto riportava pochi giorni fa il Corriere del Veneto, agli uffici comunali da inizio anno sono state presentate 34 richieste, ma solo 16 sono state approvate (meno della metà).

Tra queste ci sono le richieste di riconversione di impianti già operativi per la futura rete 5G e quelle per nuove installazioni da parte di iliad.

Il motivo di tutti questi rifiuti sta nel fatto che il Comune di Venezia, dal 2006, nell’articolo 50 del regolamento edilizio ha inserito il divieto di installare nuove antenne nei siti sensibili come parchi, scuole, ospedali e impianti sportivi e impone distanze di 50 metri superiori rispetto alla legge regionale.

Per il momento tre richieste di iliad sono state accettate proprio pochi giorni fa e riguardano nuove installazioni che verranno effettuate presso la stazione ferroviaria di Mestre, in piazza Municipio a Marghera e alla confluenza tra via Torre Belfredo e viale Garibaldi (sempre a Mestre).

Non mancano poi i ricorsi dei gestori al Tar, con risultati alterni, a volte a favore del Comune a volte dei singoli operatori telefonici, come quello della scorsa settimana, dove è stato bocciato proprio il primo ricorso presentato da iliad, che voleva mettere una propria antenna nel sito già presente in via Parri a Malamocco (nelll’isola del Lido di Venezia).

Malamocco

Malamocco | Venezia

Il motivo? Il Comune aveva negato l’autorizzazione spiegando che quella è un’area che sarà destinata ad ospitare parchi pubblici, rientrando dunque nell’articolo 50 del regolamento edilizio citato poche righe sopra.

Se già in Italia la burocrazia e a volte le proteste dei cittadini rendono complicato il lavoro di ampliamento della copertura degli operatori telefonici, a Venezia la situazione sembra essere ancora più complicata.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+