AGCOM: TIM supera Wind Tre nelle SIM complessive (iliad non pervenuta). MVNO in crescita anche senza Kena e ho.


Pubblicato oggi l’osservatorio trimestrale sulle comunicazioni aggiornato al 30 giugno 2018, con la grande assente, iliad, che AGCOM ha deciso di non inserire “in considerazione della vicinanza temporale tra la data di rilevazione e quella di inizio attività dell’operatore”, rimandando il tutto al prossimo trimestre.

Linee telefonia mobile giugno 2018

Linee telefonia mobile al 30 giugno 2018 | AGCOM

Le SIM complessive attive in Italia sono salite a 101,4 milioni, di cui 82,9 milioni SIM “Human” * e 18,5 milioni M2M (Machine to Machine).

I tre principali gestori italiani si spartiscono quasi equamente il mercato, con TIM (31.2%) che “sorpassa” Wind Tre (30.4%) nel numero SIM complessiveVodafone scende al 30% (in calo sia su base annua che rispetto al trimestre precedente), mentre i MVNO crescono all’8.3%.

Linee operatori mobili II trimestre 2018

Se si prendono in considerazione solo le SIM “Human” *, Wind Tre è ancora prima con una quota di mercato del 34.5%, seguita da TIM con il 28.7%Vodafone con il 26.5% e gli operatori mobili virtuali (MVNO) in crescita al 10.2%.

Chi sale e chi scende

Rispetto al trimestre precedente (dato calcolato su SIM “Human”) ecco chi sale e chi scende:

  • Wind Tre: 28.600.500 (↓) (-589.500 linee)
  • TIM: 23.792.300 (↓) (-60.100 linee)
  • Vodafone: 21.968.500 (↓) (-299.300 linee)
  • MVNO: 8.455.800 (↑) (+366.000 linee)

Il caso Kena Mobile e ho.

Come segnalato già lo scorso trimestre (e purtroppo probabilmente rimarrà così a tempo indeterminato) l’AGCOM ha deciso di includere il numero di linee appartenenti a Kena Mobile (l’operatore mobile virtuale voluto da TIM per contrastare l’arrivo di Iliad sul mercato italiano) nel dato globale di TIM e non in quello del segmento MVNO.

Stessa sorte, da questo report, tocca alle linee di ho. Mobile, l’altro MVNO voluto questa volta da Vodafone Italia, per contrastare l’ascesa di iliad.

In pratica, le 500.000 linee dichiarate da Kena Mobile nel giugno 2018 rientrano nel dato complessivo di TIM, così come quelle di ho. Mobile nel dato complessivo di Vodafone.

La domanda che ci poniamo è sempre la stessa: come mai AGCOM ha accettato questa condizione, invece che fornire dati separati e reali, come dovrebbe fare una Autorità Garante delle Comunicazioni realmente indipendente?

A settembre, con questa scelta, ci saranno in ballo oltre 1 milione e mezzo di linee che saranno calcolate nel totale dei due gestori (TIM e Vodafone) invece che nel segmento MVNO, dando una visione distorta della realtà.

via mvnonews.com

* Tutte le SIM, comprese quelle “solo dati” ma con interazione umana (es: internet key, SIM in tablet…) con esclusione delle M2M (Machine to Machine).


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+