Benedetto Levi e gli obiettivi per il 2019: iliad attore di primo piano nel 5G e “rendere felici i nostri utenti”


Tra i partecipanti dell’edizione 2018 di StartUpItalia Open Summit, tenutasi lo scorso lunedi a Milano, c’era anche Benedetto Levi (CEO iliad Italia) e ai microfoni di Five Live, il format di interviste brevi di ForTune, ha svelato – tra le altre cose – quelli che sono gli obiettivi primari per il 2019.

Benedetto Levi

Si è parlato naturalmente del successo ottenuto da iliad, che in soli 100 giorni dal lancio ha superato i 2 milioni di utenti, di come è stata ripensata sia l’offerta che il modo di parlare alle persone, proponendo tariffe semplici, trasparenti e senza costi nascosti.

Per Benedetto Levi le persone stanno cogliendo la differenza tra com’era il mondo della telefonia mobile in Italia prima dell’arrivo di iliad – con clienti stufi e frustati del loro operatore telefonico – e dopo. Ecco le sue parole:

Spesso l’atteggiamento del cliente era, cerco il meno peggio… cambio sperando che sia il meno peggio, non che sia davvero quello che desidero o quello a cui aspiro… Quindi ci siamo detti, c’è davvero qualcosa da fare per riportare fiducia in questo mercato, per ricreare una relazione che si era rotta da tento tempo…

Alla domanda su quali sono gli obiettivi per questo 2019 ormai alle porte, Levi risponde con un “continuare a rendere felici i nostri utenti e a farci scegliere da sempre più persone, oltre a far continuare questo passaparola che si sta sempre più generando, dove i primi utenti consigliano ai loro amici e parenti iliad perché si trovano bene…”.

Invece, “a livello di settore, il 2019 sarà l’anno del 5G e iliad sarà attore di primo piano fin da subito, ma l’obiettivo primario rimane continuare a rendere felici i nostri utenti”.

E’ possibile ascoltare l’intervista integrale qui di seguito.

Ascolta “Benedetto Levi – Iliad Italia: innovazione, semplicità e superpoteri” su Spreaker.

Noi naturalmente continueremo ad informarvi su tutte le novità che riguarderanno iliad anche in questo 2019 in arrivo.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

19 Risposte

  1. ikir ha detto:

    Io ho notato parecchi miglioramenti in varie zone. Chi critica la copertura continua comunque a scordarsi che sono in Italia da meno di un anno.

    • doomboy ha detto:

      La critica è un risultato diretto della loro stessa strategia di comunicazione: Sono loro che hanno fatto promesse enormi alla vigilia e poi non le hanno mantenute: sarebbe bastato partire con un briciolo di umiltà in più e dire onestamente che sarebbero decollati in modalità RAN Sharing su rete Wind 3 (non certo il massimo della vita), chiarendo la road-map (si parla di ANNI) per avere la propria rete operativa, e ci sarebbero state meno polemiche. Forse anche meno attivazioni…

      Invece lo hanno totalmente taciuto finché la questione non si è platealmente manifestata con tutti i suoi problemi, non fosse stato per il “ban” di ZTE forse avrebbero cercato di non farlo sapere neanche dopo lo switch on…

      Ripeto: Sono in Italia da poco, nessuno lo ignora, ma pagare poco un servizio che vale ancora meno, non è per molti un vantaggio o un merito, rispetto alla concorrenza.

      Io ad oggi li “ringrazio” di aver causato un calo generale delle tariffe, i cui effetti però saranno da pesare nel 2019-2020…

      • Pietro ha detto:

        Non condivido. I gestori devono comunicare la loro offerta non devono al grande pubblica spiegare cosa sia il RAN Sharing o che infrastrutture usano. Chi compra CoopVoce o altri virtuali probabilmente non sa e non gli interessa su quale rete si appoggiano. In oltre la TRE è stata per 10 anni e passa ad appoggiarsi al roaming di TIM eppure, anche prima della fusione con Wind, aveva i suoi milioni ci clienti e mai letto troppe polemiche. Iliad è partita appoggiandosi a WindTre sennò semplicemente non poteva partire perchè una rete di TLC si costruisce in anni se non decenni. Questo ci porta alla roadmap. Come, anche volendo, pubblicarla quando vanno per chiedere le licenze per nuovi impianti e si vedono chiuse le porte in faccia da amministrazioni comunali e cittadini (i soliti ipocriti che però vorrebbero pagare 6 euro, che tutto funzioni ma l’antenna vicina quella no). Tutti e dico tutti i gestori in alcuni posti vanno ancora in 3G o 4G scarso….però la gente se ne frega, leggere tim o vodafone li rassicura…non credo che tranne io e pochi idioti facciamo giornalmente gli speedtest…l’utente medio da smartphone non sa neanche se va a 10/20/100mbps e giustamente se ne frega tanto anche in 3g per mail,messaggistica,navigazione web,streaming musica, youtube 10mbps sono sufficenti anzi avoglia 🙂 Percepisco una campagna esclusivamente diffamatoria nei confronti del nuovo gestore. Come può Iliad funzionare “male” quando la stessa ad oggi utilizza le rete WindTre che non sarà il massimo ma vista l’unione risulta addirittura più capillare di voda e tim? E’ tecnicamente impossibile. Ci vuole logica. Hanno e stando spendendo milioni di investimenti (il ran sharing si paga, gli impianti non sorgono a gratis come i funghi nei boschi, la pubblicità si paga) se veramente non funzionasse nulla tranquillo che neanche ci provavano. Ricordo che Iliad è Free Mobile in Francia è il 4 operatore con uno penetrazione del 18.5% degli utenti mobili ed esiste dal 2007 cioè da 12 anni…pivelli non sono propio. RAN sharing a parte hanno già (sul sito c’è) il loro backbone IP proprietario che copre tutta Italia quindi in gergo la loro “core network”. Nessuno operatore in così poco tempo ha saputo fare di meglio. Insomma qualche problema lo hanno essendo da 6 mesi sul mercato ma si chiama Iliad non “Dio Mobile” i miracoli non li possono fare in così poco tempo. Cosa noto lato utente? Si a volte cade la chiamata…ma essendo tutto incluso richiamo non mi costa nulla…a volte invece sta su per ore intere…capita non me ne faccio un cruccio. Vogliamo di più (sapere) a mezzanotte del 31 io sono riuscito a primo colpo a fare un paio di chiamate e vivo in un’area densamente popolata, gli anni precedenti con i blasonati tim e vodafone da mezzanotte all’una non chiamava nessuno per intasamento celle.
        Quindi ripete nel 2019 come da 6 mesi nel 2018 che il “non funziona” è la solita FAKE NEWS di chi ha interessi personali nel diffamare il nuovo gestore.

        • Andrea D'Angeli ha detto:

          Hai perfettamente ragione. Questa si chiama truffa! Non si può pubblicizzare 4g+ quando poi, se va bene, si naviga a 20 MB/s.

          • Pietro ha detto:

            Non c’è nessuna truffa e le effettive velocità di navigazione per tutti i gestori non sono mai garantite. Ho evidenziato tutti propio perchè è una peculiarità delle reti mobili. Dipende da distanza della cella, numero di utenti connessi e molto altro già spiegato.
            Nello stesso punto ci possono essere gestori superveloci che gestori molto lenti. Esistono sui vari siti le mappe di copertura dei singoli gestori ma quanto da qualsiasi mappa vale per la copertura all’esterno e mai all’interno. Ci sono vecchie case dove altro che navigare all’interno neanche telefoni in 2G con Tim o Vodafone e fidati che è più frequente di quanto si creda specie fuori dalle aree metropolitane. Le mappe sono un’indicazione. Truffa sarebbe se il sito WindTre o Iliad dicesse che all’esterno nel paese X c’è il 4G/4G+ ma non anche in pieno centro, in piazza, 4G non compare neanche a display. Ma se poi tu al primo piano del paese X anche coperto navighi a 1 mbps sarai scontento ma non c’è alcuna truffa. Ripeto per tutti i gestor. In maniera minore vale anche per le connessioni fisse. Le connessioni te le vendono in fibra dichiarando 100mbps poi è VDSL quindi viaggia sul vecchio doppino telefonico. Ecco se lo stabile e vecchio e quindi anche i doppini, se la cabina è distante allora i 100 possono diventare anche 50 se va bene…è truffa? No perchè il gestore alla cabina ci arriva in fibra se poi sei distante 200 metri e vivi in uno stabile di 50 anni (cablato quindi 50 anni fa) con doppini usurati la colpa mica e’ del gestore. Poi batto e ribatto sulla stessa cosa da sempre detta che mi fa “inalberare” e non poco: anche se navighi dallo smartphone a 20mbps dove e’ il problema? Basta cercare su google e i requisiti anche per film in 4K (pochi smartphone hanno quella risoluzione) non necessitano più di 20mbps. Per i full HD anche a 60fps ne bastano max 10mbps…..sullo smartphone non ti scarichi un’intero disco BlueRay da 25Gb quindi non capisco a cosa e come impatti sullo smartphone avere 20 o 100mbps. Fatemi un esempio di reale necessità. Il discorso è quello che ripeto ad ogni post. Vi lamentate della velocità perchè volete utilizzare, pagando pochi spiccioli, la connessione mobile in sostituzione di una adsl/fibra risparmiando e pretendendo. Ma una connessione mobile non sarà mai paragonabile ad una fissa. Certo sarebbe il sogno di tutti pagare 6 euro al mese ed avere dentro casa dal mobile i 100 mbps ma non è così con nessun gestore.
            In ultimo ste lamentele sono sterili. Se vai nella pizzeria X che non conosci e pizza/servizio non ti soddisfa non ci torni ma comunque meno di 15/16 euro non spendi. Ecco con Iliad spendi per il primo mese la stessa cifra, se non ti soddisfa con la portabilità ormai fatta in tempi stretti la lasci e vai dal gestore che più ti piace….alla fine avrai “buttato” i 16/20 euro….ma anche buttato è errato perchè per il primo mese comunque anche se non navigherai velocemente chiami illimitatamente quindi buttato è termine errato. Insomma è una ricaricabile senza vincoli. La si prova se piace bene sennò cambiate su altri gestori.

  2. Pietro ha detto:

    Un pò OT ma su questo forum puoi solo commentare non aprire post quindi ti riduci per scrivere qualcosa a dover andare OT sui post presenti. Solo per informarmi (visto che sono sempre imparziale) che in RAN sharing di Iliad qui in sud ovest Milano da pochi giorni “gira” anche su banda 1 LTE (2100Mhz) a parità di posto ed orari prima prendeva la banda 7 ed arrivava quasi a 200mbps ora in banda 1,20,3 non supera i 50Mbps. Questo da qualche giorno. Oddio non mi cambia la vita ma sarebbe interessante capire il perchè la banda 7 è totalmente sparita (quella a 2600mhz e più libera).La banda 1 è assegnata anche al 3G quindi …..ovvio che 50 e se ti va bene.

  3. Eddie ha detto:

    O raga mi accodo anch-io a questo gruppo di troll che rischiano di perdere il posto di lavoro.
    Dunque :”Caro Benedetto Levi e’ colpa tua se adesso ho 50 giga, telefonate illimitate, SMS illimitati E’ NESSUN COSTO NASCOSTO, per pochi spiccioli. Vergognati stavo meglio quando la triade mi derubbava non meno di 15/20 euro ogni 28 giorni per un paio di Giga “. Che tempi felici, voglio ritornare nella m…a ! Dimenticavo Buon Natale a TUTTI !!!

    • bifax ha detto:

      ** troll bannato **

    • doomboy ha detto:

      Si potrebbe controbattere che non c’è troll più troll di quello che continua a mettere l’accento sulla tariffa, ma non menziona la qualità del servizio.

      Il merito di Iliad è stato far abbassare le tariffe altrui, ma oggi essere un cliente Iliad non è facile.

      Si vedono un sacco di paradossi. Se si vuole essere oggettivi nel valutarli, sono palesi: A cominciare dalla vendita degli iPhone di ultima generazione. Mi fa un po specie pensare che chi tiene al risparmio poi si precipiti a comprare (a prezzo di mercato, Euro più, Euro meno) uno smartphone che più costosi non ce n’è, e per poi farci cosa, se in molte occasioni tanto la rete dati che la fonia latitano?

      La cantilena che se uno dice le cose come stanno è un troll, ha un po stufato, lo devo dire. Io ho un dual-sim con all’interno una SIM 3 ed una Vodafone. Grazie ad Iliad, la mia tariffa Vodafone è diventata una bomba (finché dura).

      Nel frattempo, come già ho detto, avrei avuto piacere a migrare quella 3 sulla mia attuale sim Iliad, ma il servizio è scadente, e lo dico con cognizione di causa, muovendomi spesso. Poiché il numero 3 è quello attraverso cui sono reperibile per i miei clienti di lavoro, non mi posso permettere scelte avventate, per risparmiare 2-3€ al mese.

      L’unica verità è questa, se è più comodo dire che sono un troll, fate pure. Alla fine, visto che nessuno mi paga per dire la mia opinione, continuerò a lasciarla, confidando che ci sia anche chi legge alla ricerca di punti di vista onesti e non fanboy che devono dire che è tutto bello solo perché “ormai hanno scelto”.

      Buone Feste.

  4. doomboy ha detto:

    I “proclami” di Iliad mi ricordano sempre più quelli del Governo…

    “Felici” cosa, che con Iliad hai la garanzia di essere irreperibile, e ricchi 30Gb di bundle dati, coi quali forse riesci a usare Whatsapp?

    Il 5G poi, è una necessità dell’industria, non degli utenti…

    La mia sim continua a giacere nel cassetto…a gennaio mi scade il vincolo con H3G e il mio piano originale era fare la portabilità in quel momento… ma temo che la farò su TIM. Il numero di telefono lo uso per lavorare, essere reperibile è troppo più importante di risparmiare 2-3€.

    A chi volesse obiettare che “poi TIM rimodula”, quando sarà, potrò sempre cambiare.

    PS: Io ODIO TIM. Ma prende. Mentre Iliad non decolla, e Wind 3 cola rapidamente a picco.

  5. Antonio M. ha detto:

    A me basterebbe avere la possibilità di cambio offerta!!!

  6. Antonio ha detto:

    Caro Benedetto Levi, io sono cliente Iliad da quando ha fatto esordio in Italia e nonostante ricevo spesso chiamate da altre compagnie che mi tentano con altrettanto promozioni allettanti resto fedele a Iliad… ma non so ancora per quanto visto la scarsità di rete internet… la mia domanda quindi anziché pensare al 5G (tanto gli smartphone manco sono abilitati) perché non pensate prima a migliorare la rete 4G?
    Spero risolviate ma nel vero senso della parola e non solo promesse

    • nastys ha detto:

      Io ho già notato dei grossi miglioramenti ultimamente, ma comunque dipende tutto da Wind Tre finché non avrà installato abbastanza BTS proprie.

      • doomboy ha detto:

        Non è una giustificazione… non hanno mai dichiarato che sarebbero partiti da MVNO de-facto, prima del lancio… e trovo sia stata la prima cosa non trasparente, da parte di un’azienda che parla tanto di “verità”, ma finora vende più che altro illusioni. Certo, sono illusioni economiche.

  7. Erasmo Nocella ha detto:

    Ma è possibile sapere quando ci sarà la compatibilità con le esim degli Apple Watch?

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: