La Spezia: il Comune verso un nuovo piano antenne, anche per le tante richieste di iliad



Il Comune della Spezia ha approvato ieri sera, all’unanimità, la delibera dell’applicazione delle leggi regionale e nazionale che permettono l’insediamento delle compagnie telefoniche che ne fanno richiesta.

In sostanza, il Comune si è adeguato alla legislazione nazionale e regionale, che prevedono di dare autorizzazione alle installazioni di operatori di telefonici con il solo limite del vincolo paesaggistico (quello che è successo ad esempio con le bocciature ricevute da iliad a Venezia).

Rete Iliad

Stando a quanto riportato dal quotidiano online Città della Spezia, il Comune starebbe pensando ad un nuovo piano antenne per far fronte alle numerose richieste da parte degli operatori di telefonia mobile, in particolare da iliad, che come sappiamo sta lavorando per costruire la sua rete proprietaria.

Un piano antenne manca alla città della Spezia dal 2005 e si fa sempre più necessario sia per le richieste provenienti da iliad che da altri gestori (visto che il 5G è sempre più vicino), sia perché senza, il Comune si ritroverebbe a dover metter mano ogni volta a delle varianti su un piano obsoleto sotto tutti i punti di vista.

L’obiettivo dunque è quello di lavorare ad un nuovo piano antenne che permetterebbe da una parte nuovi introiti (vista la forte richiesta e i luoghi pubblici dove verrebbero installate) e dall’altra un controllo da parte di Arpal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure) su ogni installazione, per garantire il rispetto dei limiti di legge per le emissioni di campi elettromagnetici.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+