A Capannori (LU) nuovi “paletti” del Comune su installazioni di antenne iliad e di altri gestori


Nonostante la legislazione nazionale non ponga particolari paletti sulle installazioni di nuovi impianti di telefonia mobile sul territorio (che naturalmente devono rispettare i limiti sulle emissioni di campi elettromagnetici), alcuni comuni hanno comunque deciso di mettere qualche “paletto”.

Di casi recenti sul tema ne abbiamo segnalati diversi, come quello di Piacenza (qui il Comune ha negato l’installazione di antenne iliad), stessa sorte a Legnano (MI), a cui si aggiungono le proteste di alcuni residenti di un quartiere della città di Lucca così come quelle degli abitanti di Giulianova (TE), di cui abbiamo scritto lo scorso lunedi.

Antenna iliad Giulianova

Installazione antenna iliad Giulianova | © il Centro

E la lista probabilmente continuerà ad allungarsi, aggiungendo nel frattempo un altro Comune, quello di Capannori, in provincia di Lucca. Qui è notizia di oggi (segnalata dall’edizione locale del quotidiano La Nazione) che a breve verrà approvato dal consiglio comunale un piano antenne.

Di fatto si interverrà in modo tale da evitare che le antenne vengano installate in zone ad alta densità abitativa o in aree sensibili (ad esempio vicino alle scuole) o dove vi siano vincoli paesaggistici, privilegiandone l’installazione su siti già esistenti.

Qualcosa di simile già visto ad esempio a Venezia, dove molti rifiuti sono arrivati su installazioni in siti sensibili come parchi, scuole, ospedali e impianti sportivi.

A Capannori sono state inoltrate al Comune richieste – da parte di tutti gli operatori di telefonia mobile – per 26 nuovi impianti, di queste richieste il 90% erano state già inoltrate lo scorso anno.

A giudicare dai luoghi dove verranno installate le nuove antenne (che, va specificato, possono ovviamente cambiare, non essendo scelte vincolanti), sembra però che i vari gestori di telefonia abbiano già anticipato la Giunta comunale, visto che il cimitero è uno dei più gettonati.

Questa la localizzazione (al momento ipotetica) dei vari impianti per gestore, dove si può notare il maggior numero di richieste provenienti da iliad, che più di tutti ha necessità di costruire la sua rete proprietaria:

TIM: Lammari (cimitero e campo sportivo), località Frizzone (zona stazione sollevamento acque), San Leonardo in Treponzio (zona cimitero), Carraia (parcheggio zona industriale).

Vodafone: Marlia (statale del Brennero e area deposito acquedotto via Carlo Del Prete), Lunata (cimitero) San Ginese (cimitero), Vorno (campo sportivo), Coselli (parcheggio zona industriale), Colle di Compito (zona isola ecologica), Località La California (Monte Pianello).

Wind Tre: Marlia (cimitero nuovo di Marlia a San Colombano), Località La California (Monte Pianello)

iliad: Segromigno in Monte (campo sportivo), Marlia (zona deposito acquedotto via Carlo Del Prete), Gragnano – Borgonuovo (terreno dove già sorge un ripetitore), Coselli (parcheggio zona industriale), Parezzana (via Traversa), Carraia (parcheggio zona industriale), Verciano (terreno dove già sorge un ripetitore), Capannori (area stadio), Lammari (campo sportivo), Lunata (cimitero).

Linkem: Lammari (cimitero).


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

2 Risposte

  1. dobale ha detto:

    Ma tutte ‘ste radiazioni ai poveri defunti, non faranno male? eheheh 😁😎

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: