La quota di clienti Vodafone finita in ho. è scesa al 10% a fine 2018


Dei risultati finanziari del gruppo Vodafone relativi all’ultimo trimestre del 2018, abbiamo scritto proprio pochi giorni fa, con i ricavi nel segmento mobile in calo dell’8,4% su base annua (a causa della competizione innescata dall’arrivo di iliad).

La base clienti prepagata attiva è risultata diminuita di 122.000 unità nell’ultimo trimestre 2018, rispetto allo stesso periodo del 2017.

Il numero complessivo di clienti nel segmento mobile è sceso a 21.239.000 rispetto ai 21.648.000 del trimestre precedente e i 22.433.000 dello stesso periodo del 2017 (non sono comprese in queste cifre le linee IoT, MVNO e visitor numbers).

A livello di portabilità, il saldo tra MNP in uscita e in entrata è negativo di 158.000 unità nel trimestre, con un netto miglioramento negli ultimi due mesi dell’anno (vedi grafico).

Vodafone mobile net portsSecond brand ho.

Dalle dichiarazioni del CEO Nick Read e del CFO Margherita Della Valle, emerge un dato interessante che riguarda anche ho., l’operatore mobile virtuale di Vodafone nato per contrastare iliad nel segmento prepagato e delle offerte a basso costo.

Il CFO del gruppo inglese ha spiegato come circa il 10% dei nuovi clienti ho. sta arrivando da Vodafone Italia. Un dato apparentemente limitato, ma a quanto riferisce il CEO Nick Read, precedentemente più alto.

Read infatti spiega che sono riusciti ad evitare di “cannibalizzare” il brand principale, facendo scendere a circa il 10% la quota di clienti Vodafone che hanno scelto il second brand ho.

Segnale che questo dato nei mesi precedenti era ben più alto, non a caso abbiamo assistito proprio lo scorso ottobre, ad un nuovo (ulteriore) aumento dei costi di attivazione per chi proveniva da Vodafone (portato a 29,99 euro).

Un disincentivo (accompagnato dal “4G Basic”, ovvero la limitazione sulla velocità di download e upload a 30 Mbps) che sembrerebbe aver funzionato.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

8 Risposte

  1. Thomas ha detto:

    non credo molto negli operatori virtuali e nemmeno nella versione low cost degli operatori principali.
    Quello che emerge è che semplicemente la gente è stanca di certi comportamenti e cerca chi li tratta meglio e in questo potrei sicuramente dubitare di ho. e kena.
    Sembra comunque che la lezione non sia stata imparata bene date le ultime rimodulazione proprio di Tim

  2. Augusto F. ha detto:

    Certo che vodafone avendo al 31-12-18 21.239.000 utenti attivi, deve preoccuparsi di iliad che 3 mesi prima ne aveva 10 volte meno? Ho e Kena spariranno in un biennio, facendo confluire in automatico l’utenza alle rispettive case madri. Spariranno appena Iliad avrá solo NUOVE offerte da 10€ in su. A quel punto, tutti i gestori faranno utili e Iliad sará entrata ufficialmente nel “cartello” delle tlc. Fantascienza? Ne riparliamo quando parte il 5g cosí vedremo che trucchetti si saranno inventati tutti, tenendo presente che oggi il 4.5g di Vodafone, si paga extra (e non é il 4g+)

  3. Marco ha detto:

    E chissà quanti di TIM che sono passati a KENA?
    Insomma; come darsi una zappa su i piedi.

    • dobale ha detto:

      Il “carrozzone” Telecom Tim ha gestito meglio e con più lungimiranza la nascita di Kena e il contrasto all’iliade, tralasciando il periodo “sgangherato” di Kena…… I “numeri” sono diversi….. La “zappata” più forte se l’è tirata Vodafone….. 😏😎

  4. Stefano ha detto:

    Non capisco cosa ci sia di male se gli utenti Vodafone abbiano abbandonato la stessa per passare ad Ho, alla fine è sempre gruppo di Vodafone no?

    • Carlo ha detto:

      Chi ha detto che è un male? E’ tutto scritto nero su bianco nella trimestrale del Gruppo. Ovviamente han pensato bene di non fornire il dato reale dei mesi precedenti, quando probabilmente si son fatti spaventare dal fuggi fuggi generale per passare ad ho., poi frenato dal rialzo dei prezzi di attivazione e dal limite imposto sulla velocità di rete.
      p.s. ah sì, di male c’è che l’ARPU di ho. è decisamente più basso di quello di Vodafone, quindi sempre soldi che vanno a perdere. 😉

  5. dobale ha detto:

    Ridicoli….. Una pagina intera nel sito ho. con l’elenco di tutti gli operatori attivi in Italia, aventi il diritto dello “sconto” di 20€ nell’attivazione con MNP…… Facevano prima a scrivere: unicamente da Vodafone “regalo esclusivo” di 20€ in più nell’attivazione di un offerta ho.mobile….. eheheh 😏😁😎

  6. Mercedes ha detto:

    … te calmi oh, n’te calmi! …

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: