Bouygues Telecom perde la causa da 718,5 milioni di euro contro Free Mobile (iliad)



Se in Italia l’arrivo di un nuovo operatore mobile (iliad) ha stimolato la concorrenza e fatto risparmiare non poco i consumatori, nel 2012 in Francia Free Mobile causò un vero e proprio “trauma” ai gestori concorrenti, che han messo anni a riprendersi dalla batosta economica causata dai prezzi più che dimezzati proposti da quello che ai tempi era il nuovo entrante sul mercato delle telecomunicazioni.

free vs Bouygues

Non a caso c’è chi, come l’operatore Bouygues Telecom, ha anche pensato di avviare una causa contro Free Mobile e richiedere oltre 700 milioni di danni economici al gruppo iliad (che controlla i brand Free e Free Mobile). Una vera e propria guerra giudiziaria che è durata 4 anni e che oggi ha avuto un vincitore e uno sconfitto.

Come svelato da Les Eschos, la giustizia si è pronunciata a favore di Free nella disputa in cui il concorrente Bouygues Telecom chiedeva 718,5 milioni di euro di danni per la competizione innescata dal nuovo quarto operatore mobile, che avrebbe fatto perdere a Bouygues Telecom preziosi margini, stimati in 5 euro al mese per abbonato tra il 2012 e il 2016.

Dalla sentenza del Tribunale del commercio di Parigi (un organo giurisdizionale competente a decidere sulle controversie di diritto commerciale) emerge che le argomentazioni portate da Bouygues Telecom risultano prive di fondamento e sono state quindi tutte respinte.

Non solo, l’operatore del gruppo Bouygues è stato condannato a rimborsare 350.000 euro a Free per le spese processuali sostenute in quattro anni.

Questa sentenza naturalmente non garantisce che l’ascia di guerra tra Bouygues Telecom e Free venga seppellita definitivamente, ma magari prima di intentare una nuova causa, la prossima volta ci penseranno due volte.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook e Twitter