Benedetto Levi (iliad): Non rimoduleremo le tariffe esistenti. Investimenti creano qualità e posti di lavoro, non il contrario


Non ci sta Benedetto Levi (AD iliad Italia) a far passare il messaggio che i tagli al personale comunicati ultimamente dai principali competitor siano dovuti all’arrivo del nuovo operatore mobile, che ha letteralmente dato una scossa al settore delle telecomunicazioni.

Benedetto Levi

Lo ribadisce in una intervista pubblicata questa mattina nell’edizione cartacea de Il Sole 24 Ore, spiegando che “ci usano come capro espiatorio per addebitarci tutte le colpe del mondo. Noi al contrario portiamo vantaggi ai consumatori, ma anche alla industry”.

È una narrazione che fa comodo agli altri operatori, ma che non corrisponde alla realtà. Ed è paradossale che non si tenga conto di una semplice considerazione: più aumenta la concorrenza sul mercato e più gli operatori devono investire per creare un servizio differenziante e di qualità.

Investimenti creano qualità e posti di lavoro, non il contrario. Però è chiaro che l’avvitamento al ribasso dei prezzi è un problema per il mercato. Le questioni che hanno impattato, se parliamo dei cali di fatturati, sono altre. Nel 2018 c’è stato il ritorno alla fatturazione mensile da quella a 28 giorni.

L’anno precedente c’è stata la cancellazione dei sovraccosti di roaming nella UE. C’è poi il sempre maggior utilizzo dei servizi “Ott” che hanno ridotto significativamente l’uso di SMS”.

E’ un Levi combattivo quello che leggiamo tra le righe dell’intervista, dove parla della situazione italiana e delle colpe che hanno, da anni, i principali gestori:

Crediamo che ci sia ancora spazio per portare innovazione in questo settore meno in crisi di quanto si dice e in cui, non va dimenticato, gli altri operatori hanno responsabilità storiche che poi sono le stesse che ci hanno aiutato ad avere successo.

Prima del nostro arrivo abbiamo fatto molte ricerche osservando che gli operatori italiani erano fra i meno amati dai clienti. Non creare una relazione con l’utenza basata su fiducia e trasparenza è stato il vero problema”.

E su alcune tematiche che stanno a cuore ai nostri lettori (e a molti clienti iliad), Levi conferma che:

Rimarremo fedeli alla politica della semplicità delle offerte, senza costi nascosti e con tariffe garantite per sempre senza rimodulazioni per i clienti. Per il futuro vedremo quali offerte lanciare. Finora a ogni premium price sulle nuove tariffe abbiamo aggiunto 10 Giga in più di dati.

E per quelli che possiamo tranquillamente definire “gufi”, ovvero chi già predica o spera nel fatto che iliad fallisca o che il gruppo ripensi l’investimento italiano, Levi ribadisce che è escluso un ripensamento e che “Una perdita in fase di startup è ampiamente prevista e il giudizio sull’Italia è positivo e privo di zone d’ombra, con il raggiungimento di 2,8 milioni di utenti in 7 mesi, un fatturato sui 125 milioni e un livello di apprezzamento molto alto”.

Come abbiamo ribadito più volte anche su queste pagine, si tratta del “lancio di maggior successo nella storia degli operatori mobili in Italia. E questo ci fa pensare di essere sulla strada giusta per avanzare verso il nostro obiettivo di breakeven che, come abbiamo confermato, è raggiungibile sotto al 10%”.

L’intervista si chiude con un Levi possibilista sul lancio anche nel fisso (“le problematiche di costi nascosti e mancata trasparenza ci sono anche lì”), ma in futuro, mentre sulla newco – denominata “Pisa” – su cui Wind Tre farà confluire circa 7.000 siti (il cui 49% di questa società verrà messo in vendita), iliad non sembra essere interessata.

A differenza di quanto avviene ancora oggi con la concorrenza, iliad rimarrà fedele a quanto promesso, quindi zero rimodulazioni per il futuro e zero costi nascosti nelle sue offerte, per la gioia di tutti i suoi clienti.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook e Twitter

31 Risposte

  1. Andre ha detto:

    Ci voleva una compagnia come iliad per rompere le palle a queste compagnie ladre che in passato facevano pagare 5 mola lire a ricarica . È quello si lamenta del rimborso tze

  2. donato ha detto:

    Quasi un anno senza rimodulazioni e senza servizi attivati furbescamente…. che Bello!!!!!!!
    W ILIAD

  3. Antonio ha detto:

    Sera io da luglio dell’anno scorso che aspetto ancora il rimborso, chiesto nei tempi previsti come dicono loro. SIM acquistata con carta di.credito e mai arrivata. Ho speso il doppio del valore della SIM chiamando il loro numero per avere informazioni. Mi sono arreso ormai i soldi andati ma in compenso ho capito pagare qualcosa in più ma avere i servizi visto le varie critiche che sento in giro.

  4. Milena ha detto:

    ** troll bannato **

    • Giuseppe ha detto:

      Ma per cortesia! Finite sempre per citare la storia del cambio piano tariffario, perché non avete altro a cui aggrapparvi per screditare iliad. Inventatevi qualcos’altro e sui licenziamenti, da aziende con manager incapaci o meglio capaci solo di metterla in quel posto ai loro clienti, cosa ci si poteva aspettare se non tanti licenziamenti, soprattutto ora che hanno la scusa di addossare tutte le colpe ai cattivoni di iliad. Ridicoli, ridicoli, ridicoli.

  5. Paolo ha detto:

    Iliad e poi il vuoto. Dio benedica questa nuova compagnia !

  6. daniele 1908 ha detto:

    abbiamo capito antonio
    ..sei un rompicoglioni di vodafone🤣🤣🤣

  7. luchish ha detto:

    vorrei sapere come mai a noi utenti della prima ora , o quasi ,non è stato possibile,avendo solo 30 GB,poter accedere all’opzione da 7.99€ e 50GB ma la roba che mi fa veramente Inc…..e é il continuo sentirsi dire che é questione di settimane,é questa litania saranno da 5/6 mesi che continuo a sentirla
    posso capire che vi siano dei problemi per iliad ,non ho la pretesa che non debbano avere dei perche che impedisca loro di darmi sti Benedetti 50GB ma non é un buon motivo x fare irritare la gente con queste stupidaggini continuate ad essere ripetute

    • Kekko ha detto:

      Ciao, ma hai un numero iliad nuovo(351 per intederci) volendo posso comprarti io una sim a 7,99€ su cui fare portabilità in cambio della 5,99€ visto che di giga io ne uso massimo 2 e già 6,99€ è troppo per come uso il telefono, senza contare che la concorrenza non ha niente da offrire

  8. Antonio ha detto:

    Ma quale i migliori e quale trasparenza? A me Benedetto Levi, mi ha fregato 19 euro e seguendo il loro consiglio potevo anche perdere il numero. Ogni mattina come i (politici) si alza uno e spara cavolate. P.S, redazione, fatelo arrivare questo messaggio a Levi. Vorrei proprio sapere cosa mi risponde quando racconto la mia disavventura.

    • Vittorio ha detto:

      Certo, Levi è venuto incappucciato e ti ha puntato una SIM al collo e ti ha derubato di 19 euro… Mamma mia quanta ignoranza. Sarei proprio curioso di sapere di cosa lo accuseresti di preciso.

      • Antonio ha detto:

        L’ignorante è quello che non sa le cose basta leggere qui e già capirai che sta dichiarando il falso. Hai il diritto di recedere dal contratto in qualsiasi momento e senza nessun costo. I servizi, le condizioni dell’offerta iliad e le altre informazioni indicate all’Allegato 5 del Codice delle Comunicazioni elettroniche sono illustrati nei documenti che trovi qui.

        • Vittorio ha detto:

          Qui dove? Questo mica è il sito di iliad?! E poi stiamo ancora aspettando che ci racconti la tua grande disavventura che ti ha portato al lastrico perdendo 19 euro (poi magari per errore tuo…). ahahahaha

          • Antonio ha detto:

            Qui sul sito Iliad, ancora a questo stai? ahahahaha

            • Redazione ha detto:

              Questo non è il sito web ufficiale di iliad, come puoi facilmente leggere dal nome e dall’indirizzo URL che trovi nel tuo browser. Se hai necessità di assistenza devi contattare il 177. Altri commenti che non hanno nulla a che fare con l’articolo pubblicato (o offensivi verso altri utenti) non verranno pubblicati.

        • Antonio ha detto:

          Inoltre e sempre per notizia quando passai con la WIND ed ebbi problemi, prima mi chiese scusa e poi mi diede i soldi che avevo speso. Il 177 mi ha detto invece che se voglio passare di nuovo al vecchio operatore devo spendere altri soldi e ti assicuro che la colpa non è mia assolutamente se la rete non va bene.

          • Vittorio ha detto:

            A parte che, come dovrebbero fare tutte le persone con un minimo di intelligenza, prima di cambiare operatore si controlla se nella propria zona prende. iliad si appoggia a Wind, quindi se avevi Wind e ti dava problemi di rete, non ci vuole un genio per capire che era meglio non passare il numero. In ogni caso è un servizio prepagato, non un abbonamento, puoi cambiare gestore quando ti pare, nessuno ti obbliga a fare nulla.

  9. Danilo ha detto:

    Continuate cosi siete i migliori in assoluto e sul mercato

  10. Beatrice ha detto:

    Peccato che abbia ancora l’IP francese, problemi con i contatori se non si ricarica il giorno dell’attivazione, up grade mai avvenuto come promesso
    Offerta che si rinnova in anticipo. Linee sature.per la qualità meglio spendere 2€ in più e passare a coopvoce

    • Antonio ha detto:

      Intanto ti hanno fregato i soldi come me e nessuno ti rimborsa.

      • Redazione ha detto:

        Antonio, se hai avuto un problema sulla tua linea esistono i canali di assistenza. Beatrice non ha riportato da nessuna parte che le “hanno fregato i soldi”.

        • Antonio ha detto:

          Assolutamente no. Ma se ora anche lei non si trova bene, certamente non per colpa sua e vuole cambiare di nuovo operatore i soldi li ha perso di sicuro. Se io ti vendo una cosa e ti assicuro un servizio e poi non è cosi, mi devi restituire i soldi. Vedi diritto di recesso.

          • Redazione ha detto:

            Il diritto di recesso si applica solo agli acquisti effettuati online (entro 14 giorni dall’acquisto), non si applica per gli acquisti di beni e servizi acquistati in un esercizio commerciale/negozio, a meno che non sia lo specifico commerciante a prevederlo.

            Se hai acquistato online la SIM questo quanto prevedono le condizioni contrattuali iliad: “In caso di esercizio del diritto di recesso, saranno rimborsati all’utente tutti i pagamenti da esso effettuati nei confronti
            di Iliad Italia S.p.A. in relazione al contratto da cui si recede compreso l’eventuale costo della SIM entro 14 giorni dal giorno in cui Iliad Italia S.p.A. è stata informata della decisione di recedere dal contratto. Tale rimborso sarà effettuato utilizzando lo stesso mezzo di pagamento utilizzato in fase di sottoscrizione del contratto, a meno che l’utente indichi espressamente un diverso mezzo di rimborso. Qualora l’utente abbia richiesto di avviare la fornitura del servizio di telefonia mobile (inclusa la portabilità del numero) prima della scadenza del termine di 14 giorni dalla conclusione del contratto, egli sarà comunque tenuto a corrispondere a Iliad Italia
            S.p.A. un importo proporzionale al servizio fornito fino al momento in cui il diritto di recesso è stato esercitato.

            Se è questo il tuo caso, compili il modulo scaricato dal sito iliad, lo firmi e alleghi fotocopia del documento d’identità e lo invii al fax 02 30377960. Se hai acquistato la SIM in un negozio, non puoi richiedere il rimborso.

            • Antonio ha detto:

              E’ cosi, come stiamo dicendo noi. La sim è stata acquistata online, ma l’operatore del 177 ha detto che o perdo il numero o se passo con un altro operatore devo pagare di nuovo. Se hai whatsapp ti mando la registrazione di quello che mi ha detto l’operatore. Io non mi alzo la mattina per dire cavolate.

              • Redazione ha detto:

                E cosa ha detto di sbagliato l’operatore? Se hai acquistato la SIM online e chiedi il diritto di recesso (seguendo le indicazioni riportate nel modulo della richiesta scaricabile dal sito ilia.it) significa che ti rimborsano quanto speso e cessano la SIM (l’oggetto del recesso). Se invece vuoi mantenere il credito e la linea, puoi passare ad altro gestore chiedendo il trasferimento del credito residuo sulla nuova SIM (pagando i costi di attivazione previsti dall’operatore scelto).

                • Vittorio ha detto:

                  Ragazzi non stateci a perdere tempo dietro a questo qui a spiegargli le cose. Se non arriva a capire che applicare il diritto di recesso su un acquisto di una SIM significa che gli ridanno i soldi indietro e cessano la linea che ha acquistato (per cui richiede il rimborso) è una causa persa. Non so cosa vorrebbe, che gli ridanno indietro i soldi e che gli lascino pure la SIM attiva? Ignoranza galoppante!

  11. Feiore ha detto:

    Per la redazione, si potrebbe essere un pó più esaustivi nella parte finale dell’intervista? Per chi come me nn riesce ad essere sempre aggiornato risulta difficile capire questo passaggio: “sulla newco – denominata “Pisa” – su cui Wind Tre farà confluire circa 7.000 siti (il cui 49% di questa società verrà messo in verità)”.
    Grazie

    • Redazione ha detto:

      Si tratta di una società ad hoc creata da Wind Tre dove confluiranno circa 7.000 siti del gruppo. Questa società sarà controllata da Wind Tre (al 51%) mentre l’altro 49% verrà messo sul mercato. Quindi nascerà un nuovo operatore delle torri (come INWIT di TIM, Cellnex Telecom etc) che gestirà parte della rete di Wind Tre. Levi ha sostanzialmente dichiarato che non c’è interesse nell’entrare in questa nuova società.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: