Blackout Wind nella Valle del Pelago (MO), coinvolti anche i clienti iliad, 3 e MVNO


Un guasto al ripetitore Wind di zona ha causato ieri un blackout nella Valle del Pelago (nell’Appennino Modenese), lasciando i clienti Wind, 3, iliad e quelli degli operatori mobili virtuali che si appoggiano alla rete Wind, senza linea.

Antenna WIND Pievelago

I tecnici del gestore, secondo quanto riferisce l’edizione locale de Il Resto del Carlino (attualmente in edicola), sono al lavoro per risolvere il problema da ieri, ma la compagnia ha avvisato che pur se la situazione è migliorata non è stato risolto il guasto.

I lavori in corso prevedono la sostituzione dell’antenna (qui una immagine da Il Resto del Carlino), con un ritorno alla normalità previsto per  la mattinata di domani (mercoledi 3 aprile).

I tecnici stanno cercando di accelerare i lavori, perché sull’appennino, proprio da domani, è previsto l’arrivo di maltempo, con piogge e forse anche neve in quota.

Il Comune di Pievepelago, coinvolto nel blackout, ha sollecitato la compagnia telefonica perché risolva al più presto il problema, chiedendo maggiori investimenti nelle reti telefoniche montane, dove molti impianti sono obsoleti e in alcune zone non è raro avere scarsa copertura o magari la presenza di un solo gestore.


Commenta questa e le altre notizie sui nostri profili Facebook, X (ex Twitter), BlueSky, Mastodon o nella Community dedicata agli utenti iliad (che conta oltre 21.500 iscritti).

Puoi seguire Universo Free anche su Google News, cliccando sulla stellina da app e mobile o alla voce “Segui“. Le notifiche in tempo reale con i nostri aggiornamenti e le ultime notizie, sono inoltre disponibili unendoti al nostro canale Telegram e al nostro nuovo canale WhatsApp.

Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone. Per segnalarci novità, anteprime, nuove aperture di store iliad, scrivici direttamente da qui.

Una risposta

  1. c.la ha detto:

    Una volta i gestori avevano i ripetitori mobili (anche per aggirare la legge), evidentemente non li hanno più.
    In questo caso sarebbero stati utili: porti il ripetitore mobile, lo fissi e lo accendi in “poco” tempo, poi mentre gli utenti almeno hanno la linea si ripara la stazione fissa.