Rete iliad: in provincia di Padova c’è anche chi dice SI a nuovi impianti



Mentre gli impianti iliad già operativi hanno superato quota 660 in diverse regioni italiane (qui la mappa della rete proprietaria iliad sempre aggiornata), dopo diversi stop dati da alcuni comuni del padovano, oggi arriva dalla stessa area una buona notizia.

Se il Comune di Torreglia, insieme ad altre realtà come Montegrotto Terme e Tribano, hanno deciso recentemente di vietare nuove installazioni iliad, non è così per Teolo che, come Abano Terme, ha deciso di non fare “la guerra” alle compagnie telefoniche.

Il sindaco di Teolo, come rivela oggi il quotidiano il Gazzettino di Padova, ha dichiarato che non indirà nessuna crociata nei confronti di iliad, tanto più che le richieste pervenute fino ad ora riguardano antenne cedute da Wind, quindi non nuove installazioni ma modifica di impianti esistenti.

Ci siamo già dotati di un piano antenne come previsto dalla legge – ha detto il sindaco Moreno Valdisolo – e abbiamo posto in essere tutte le misure di tutela consentite. I misuratori del grado di esposizione elettromagnetica fatti collocare vicino alle scuole escludono situazioni di pericolo per i nostri ragazzi.

So che un’ordinanza di opposizione alle nuove tecnologie potrebbe dare maggior risalto politico. Ma io bado al sodo. E non desidero danneggiare la comunità amministrata con il possibile avvio di un’istanza di risarcimento danni da parte delle aziende interessate.

E consultando la mappa degli impianti iliad già attivi (aggiornata al 16 agosto), è possibile notare che nel territorio padovano è già possibile collegarsi su rete proprietaria sia a Padova (5 impianti) che ad Abano Terme (2 impianti), Piove di Sacco (2 impianti) e Monselice (1 impianto).

Impianti iliad attivi provincia di Padova

Impianti iliad attivi in provincia di Padova (dato aggiornato al 16.08.2019)

Nel frattempo, il Comune di Teolo ha dato l’ok anche all’installazione di una nuova torre di 20 metri per il 4G di Wind (prevista nell’area pubblica di via S. Antonio), mentre il vicino Comune di Galzignano non ha ancora preso una posizione netta sulla questione antenne.

Ad oggi in provincia di Padova si sono registrate situazioni nettamente opposte tra loro, con alcuni comuni contrari a nuove antenne (in particolare per il 5G) e altri che invece non hanno deciso di bloccare lo sviluppo della rete iliad (così come degli altri gestori) e i primissimi impianti sono già operativi.

Nonostante tutto, proseguono anche in questo pieno agosto le attivazioni di impianti del quarto operatore mobile d’Italia.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App gratuita o seguici su Facebook e Twitter

Commenta...