Nuova antenna iliad e nuove proteste: questa volta nella città metropolitana di Roma



Mentre procedono a pieno ritmo, anche in questo mese di agosto, i lavori da parte di iliad per coprire tutta Italia con la propria rete (qui la mappa aggiornata ad oggi con oltre 680 impianti attivi), non mancano gli intoppi di varia natura, a volte legati ad amministrazioni comunali contrarie a nuove installazioni, a volte a proteste dei cittadini.

E proprio di quest’ultimo caso scriviamo oggi, spostandoci nel centro Italia, per la precisione a Monterotondo, cittadina con circa 41.000 abitanti a una ventina di km. a Nord Est da Roma.

Qui, stando a quanto riportato dal quotidiano locale il Corriere di Viterbo, un gruppo di cittadini si sarebbe lamentato con il Comune per una nuova installazione da parte di iliad Italia.

Si tratterebbe di un terreno privato individuato dall’operatore mobile in una zona di campagna con bassa concentrazione abitativa (sono presenti solo alcune villette). Chi però ci vive si dice preoccupato per i possibili rischi sulla salute legati a questo nuovo impianto.

Via Guerrazzi Monterotondo (RM)

Nella mappa l’area (via Guerrazzi) in cui verrà installato il ripetitore iliad

Il Comune di suo, non vuole assumersi responsabilità di alcun tipo, specificando che non può interferire in alcun modo nella scelta del luogo di installazione di ripetitori telefonici, citando la normativa nazionale, che considera questi impianti vere e proprie opere di urbanizzazione primaria e tutte le decisioni in merito sono di competenza dello Stato.

Quando si parla di campi elettromagnetici e salute, va detto, l’informazione sul tema è sempre molto scarsa, generando preoccupazioni più che comprensibili ma allo stesso tempo a volte anche esagerate da parte della popolazione.

Come ricordiamo sempre, gli impianti di telefonia mobile operativi in Italia rispettano la normativa vigente, tra le più restrittive in materia di emissioni a livello europeo, basti pensare che i limiti in Germania sono 16 volte superiori i nostri, mentre molti ignorano i maggiori rischi nel tenere il proprio smartphone in tasca o per lungo tempo attaccato all’orecchio mentre si telefona.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App gratuita o seguici su Facebook e Twitter

3 Risposte

  1. marco ha detto:

    Ciao Iliad. Marco da Roma. Sono un fortissimo appassionato di telefonia mobile, e seguendo da molto tempo questo campo, ho letto molto e continuo ad informarmi su tutto. Sono, naturalmente, assolutamente favorevole all’installazione di nuovi impianti, perchè una maggiore copertura cellulare, vuol dire anche una maggiore sicurezza per la comunità intera. Spero che tutta l’Italia venga coperta al più presto, e anche con una ottima rete, in modo da far si che possa essere chiuso quanto prima il run sharing attuale. Anticipatamente vi ringrazio. Inoltre mi farebbe piacere sapere quando il mio quartiere di roma sarà potenziato. grazie, ciao.

  2. Robby ha detto:

    Studio all’università di Bologna e come potete immaginare per uno studente fuori sede i soldi non bastano mai quindi… leggendo sull’argomento iliad sono andato a vedere sull’Arpa ER e ho notato che su alcuni impianti trovo scritto ‘Impianto di trasmissione Radio/TV – Iliad’ e su altri semplicemente ‘ Impianto di telefonia mobile – Iliad’. Sapete se iliad ha in previsione la trasmissione di canali video digitali?

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: