L’operatore svizzero Salt (di Xavier Niel) cresce nel terzo trimestre 2019



L’operatore svizzero di telefonia mobile e fissa Salt (controllato dal fondatore del Gruppo Iliad, Xavier Niel, con la sua holding personale NJJ) ha pubblicato oggi i dati finanziari relativi al terzo trimestre 2019.

Nel periodo in questione, Salt ha registrato un fatturato di 265,4 milioni di franchi svizzeri (in aumento dell’1,1% su base annua) e un risultato operativo Ebitda di 115,1 milioni (-8,2%).
Salt Q3 2019Sui primi nove mesi dell’anno le vendite segnano una flessione dell’1,2% a 765,5 milioni.

Il calo è dovuto, secondo quanto comunicato dall’operatore, principalmente al mancato rinnovo dei contratti stipulati con UPC e Coop (operatori mobili virtuali che hanno lasciato la rete Salt per quella di Swisscom ad inizio anno).

Escludendo questo fattore, giudicato non ricorrente, il volume d’affari segna un aumento del 5,5% nel trimestre e del 2,4% nel periodo gennaio – settembre 2019.

Il lancio dell’operatore mobile virtuale Lidl-Connect su rete Salt avvenuto a giugno, ha invece permesso al gestore controllato da Xavier Niel di assorbire la perdita dei clienti Coop Mobile e UPC.

Nel terzo trimestre, Salt vede una crescita nel numero degli abbonati nella telefonia mobile a 1,24 milioni (+15.400 rispetto al trimestre precedente).

Pascal Grieder, CEO di Salt, ha commentato così il risultato: “Siamo stati in grado di aumentare significativamente il numero di clienti mobili e anche per Salt Fiber c’è una forte domanda.

Inoltre, siamo riusciti a invertire la tendenza nel business B2B, siamo stati in grado di aumentare il numero di clienti e ancora vedere un grande potenziale di crescita in questo settore.”

fonte: comunicato stampa


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App gratuita o seguici su Facebook e Twitter

Commenta...