Iliad e 5G: sviluppo con Nokia in Italia e Francia, ma nessuna esclusione a Huawei



Annunciato nel settembre 2019, oggi viene fornito qualche dettaglio in più sull’accordo 5G tra Nokia e il Gruppo Iliad.

Secondo il fornitore finlandese, “questo contratto si concentrerà sulla modernizzazione delle reti esistenti e sull’introduzione del 5G in Francia e in Italia per dare accesso 5G ai 17 milioni di abbonati Iliad in questi due paesi”, ha detto Nokia.

Gruppo Iliad e Nokia

Dal punto di vista tecnico, Iliad utilizzerà la nuovissima tecnologia di accesso radio di Nokia, denominata AirScale, che consente sia di sfruttare la nuova generazione di reti 5G che di supportare 4G/LTE e 5G sulla stessa infrastruttura di accesso radio.

Inoltre, “l’installazione di antenne MiMo 5G fornirà agli abbonati tempi e velocità di risposta ad alte prestazioni”, assicura Nokia.

Ricordiamo che Nokia lavora a stretto contatto con Free Mobile in Francia dal suo debutto, avvenuto nel 2012, mentre in Italia con iliad dal  2018, per la copertura 3G e 4G

Thomas Reynaud, CEO Iliad, ha dichiarato:”Le tecnologie e le soluzioni 5G offerte da Nokia ci consentiranno di lanciare i nostri servizi in modo rapido ed efficiente, con prestazioni di rete eccezionali che ci consentiranno di affrontare le sfide di domani”.

Per quanto riguarda l’obiettivo di Free Mobile su questa tecnologia, Xavier Niel lo scorso maggio aveva dichiarato la sua intenzione di riprodurre lo stesso business model della fibra, ovvero crescere in quote di mercato offrendo tariffe competitive con una rete di buona qualità. Per Niel Free Mobile avrà “una rete perfetta” e dovrà essere in grado di “differenziarsi e vendere offerte migliori” per riconquistare quote di mercato grazie al 5G.

Anche se il Gruppo Iliad lavora ormai da anni con Nokia, di recente ha lamentato la mancanza di chiarezza delle autorità pubbliche francesi per quanto riguarda il caso Huawei.

Thomas Reynaud in una recente intervista al quotidiano francese Les Echos aveva dichiarato: “Abbiamo fatto a lungo una scelta europea [Nokia], ma dobbiamo mantenere la flessibilità di lavorare con tutti gli OEM”. Lo stesso Reynaud aveva poi annunciato il superamento dei 5 milioni di utenti raggiunti in Italia in soli 18 mesi e l’obiettivo di avere 6.000 siti radio entro fine anno.

Secondo il vice presidente di Huawei Francia, il Gruppo Iliad ha chiesto di utilizzare apparati 5G del gigante cinese nonostante il suo accordo con Nokia. Dunque non è da escludere una futura collaborazione anche con Huawei.


Commenta questa e le altre notizie sui nostri profili Facebook e Twitter o nella Community dedicata agli utenti iliad (che conta oltre 20.000 membri).

Puoi seguire Universo Free anche su Google News, cliccando sulla stellina da app e mobile o alla voce “Segui“. Le notifiche in tempo reale con i nostri aggiornamenti e le ultime notizie, sono inoltre disponibili unendoti al nostro canale Telegram.

Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone. Per segnalarci novità, anteprime, nuove aperture di store iliad, scrivici direttamente da qui.

5 Risposte

  1. Elio ha detto:

    Hai sbagliato il tempo del ripensamento secondo me. Se ci ripensavi prima di attivare tutto non perdevi tutto sto tempo ?. Comunque io sono cliente Iliad e va na meraviglia qualità prezzo super. Soddisfatto

  2. Simone ha detto:

    Buongiorno,
    vi illustro di seguito il mio caso:
    in data 08/01/2020 faccio richiesta tramite il sito internet di Iliad di una nuova sim;
    mi vengono prelevati sulla mia carta di pagamento Euro 17,98 da Iliad;
    per motivi personali sentito immediatamente il 177 per chiedere come fare ad esercitare il diritto di ripensamento mi viene spiegato che basta semplicemente compilare l’apposito modulo con i dati in mio possesso ed inviarlo via fax al numero 0230377960 e che non occorre fare altro, avvisando che il rimborso avverrà entro 30 giorni;
    invio il giorno stesso il fax come da indicazioni del 177;
    ricevo email da Iliad di improcedibilità non meglio identificata;
    sentito il 177 per chiedere chiarimenti mi dicono che è tutto ok ma che è improcedibile perché mancava nel modulo l’indicazione della numerazione telefonica (che non mi era da Iliad ancora stata assegnata!), quindi mi forniscono tale numero (non potevano dirlo prima?!?) confermando ancora che il rimborso fatta questa integrazione avverrà entro 30 giorni;
    invio nuovamente il fax come da ultime indicazioni del 177;
    ricevo nuova email da Iliad di improcedibilità non meglio identificata;
    sentito nuovamente il 177 per chiedere chiarimenti mi dicono che è tutto ok ma che è improcedibile perché manca copia della carta di identità fronte retro (non potevano dirlo prima?!?) confermando che fatto questa integrazione il rimborso avverrà entro 30 giorni ;
    in dato 09/01/2020 invio nuovamente il fax come da ultime indicazioni del 177 compresa carta di identità;
    finalmente non ricevo email da Iliad di improcedibilità e quindi attendo i 30 giorni suddetti;
    in data 13/01/2020 ricevo la sim che NON provvedo ad attivare ed alcuni giorni dopo mi viene sul sito Iliad anche chiuso l’account relativo;
    in dato 12/02/2020, passati abbondantemente i 30 giorni, chiedo all’assistenza Twitter di Iliad chiarimenti in merito e mi rispondono che è strano, che il rimborso dovrebbe essere già avvenuto e di chiamare il 177;
    sentito il 177 per chiedere chiarimenti mi dicono che la pratica di rimborso è regolare, non ci sono intoppi, che i 30 giorni sono da intendere lavorativi (cosa mai detta prima!) e che quindi è normale che il rimborso non sia ancora avvenuto;
    chiedo all’assistenza Twitter di Iliad conferma in merito e mi rispondono che non è vero(!) e che i 30 giorni sono solari e non lavorativi;
    in data 13/02/2020 invio tramite PEC ad Iliad formale diffida ad adempiere al rimborso. Nella PEC comunico anche le mie coordinate bancarie per fornire ulteriore metodo di rimborso oltre alla mia carta di pagamento;
    ricevo il giorno stesso email ordinaria da Iliad di improcedibilità non meglio specificata al mio reclamo;
    sentito per l’ennesima volta il 177 per chiedere chiarimenti e mi dicono che la pratica di rimborso è regolare, non ci sono intoppi, che il reclamo è stato rigettato perché non necessario e che i termini di rimborso sono di 45 giorni lavorativi (!?!?!??!!) e che se dopo 45 giorni lavorativi non riceverò ancora il rimborso dovrò mandare ad Iliad l’estratto degli ultimi mesi della mia carta di pagamento dove si evince l’assenza del rimborso (alla faccia della privacy!);
    Ora c’è da aggiungere altro a questa situazione kafkiana?!?!? Tralasciando la cifra, chi non si sarebbe sentito preso in giro da tutto ciò? Sarebbe questa la #rivoluzioneiliad ???

    • Michele ha detto:

      Ma non era più semplice leggersi PRIMA le condizioni contrattuali e dare uno sguardo alla modulistica presente sul sito?Io lo faccio sempre e non ho mai avuto problemi.Cosa c’entra la rivoluzione con i contratti standard che TUTTI i gestori applicano a certe fattispecie (e che sono sostanzialmente identici proprio perchè fanno riferimento a leggi in vigore..)con modalità molto ma molto meno trasparenti?Suvvìa,un minimo di onestà intellettuale ci vuole pure.Oppure continuiamo a scrivere che “visto che Iliad non ha fermato tutte le sue attività nazionali ed estere per risolvermi il problema nel giro di due giorni allora devono essere passati per le armi nella pubblica piazza?”.

      • Simone ha detto:

        Non sono riuscito a trovare le condizioni contrattuali per questa casistica sul sito. Ho espressamente chiesto al 177 di averle scritte più volte ma me le hanno sempre fornite solo verbalmente e come vedi sopra sempre con versioni diverse ed in contrasto tra loro.

    • Simone ha detto:

      Per correttezza comunico che questa mattina Iliad mi ha chiamato, si è molto scusata per l’accaduto e mi ha rimborsato. Bene così.