Connessioni su rete mobile: crollo velocità durante l’emergenza Covid-19. Situazione migliore nelle grandi città



Durante il periodo di lockdown in Italia è stato registrato un massiccio aumento del consumo di internet, sia su rete mobile che su rete fissa.  In un report pubblicato oggi da OpenSignal, è stato analizzato il traffico tra gennaio e marzo tra tutti gli operatori di rete mobile.

Se da una parte tutti i gestori hanno retto bene, senza grandi disservizi, va detto che le velocità delle connessioni mobili da smartphone sono diminuite e in alcuni casi anche di molto.

In media, del 7,2% per quanto riguarda le aree urbane (quelle relative alle principali città e le aree più densamente abitate), mentre il dato peggiore lo hanno registrato le aree suburbane e rurali (12,2% nel primo caso, 13,7% nel secondo).

Velocità connessioni mobili Covid-19

Secondo i dati OpenSignal, i test di velocità effettuati nel mese di febbraio hanno dato risultati in linea con quelli del mese precedente, mentre a marzo (con le restrizioni a livello nazionale),  sono state osservate notevoli differenze, con un calo significativo delle velocità di download in tutte le regioni, ma in particolare nelle zone rurali.

Declino connessioni mobili Covid-19

Per quanto riguarda le diverse zone d’Italia, nelle aree urbane delle isole è stata registrata la maggiore diminuzione (-12,5%), con una velocità media di download scesa da 27,6 Mbps a 24,1 Mbps.

E’ andata decisamente meglio nel Nord-Est Italia, dove il calo è stato solo del 2,6% su una media nelle altre regioni di circa il 10%.

Spostandoci nelle aree suburbane, la velocità di download è calata di oltre il 10%, anche qui in particolare nelle isole (-13,4%), con un passaggio da 23,1 Mbps a 20 Mbps. Nelle regioni del Sud il calo registrato è stato del 13,2% (da 22,2 Mbps a 19,2 Mbps), mentre nelle regioni del Nord-Ovest del 12,6% (da 27,1 Mbps a 23,7 Mbps).

I dati peggiori arrivano dalle zone rurali: nelle isole è stata registrata una riduzione di velocità del 22,3% (da 24,6 Mbps a 19,1 Mbps), seguite dal Centro Italia (-15,1%) con velocità scese da 21,5 a 18,2 Mbps. Calo simile anche per le regioni del Sud, con un calo del 14,8% (da 23 a 19,6 Mbps).

Download per zone d'Italia durante Covid-19

Le cause di questi rallentamenti sono dovute ovviamente ad un aumentato consumo di traffico dati ma non solo. Secondo OpenSignal, sono influenzati anche dalle migliaia di italiani che si sono spostati nelle zone di residenza, dagli studenti che hanno seguito le lezioni online allo smart working.

Gli operatori ne escono comunque bene, con molti interventi a favore degli utenti, come l’aumento del traffico dati su molte offerte (come fatto anche da iliad per l’offerta iliad Voce fino al 18 maggio) e velocità accettabili, visto il periodo.


Segui Universo Free anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale, unisciti al nostro canale Telegram e seguici nella grande community Facebook e Twitter. Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

6 Risposte

  1. Giò ha detto:

    Concordo con @Pietro: io sono di Milano e ho notato esattamente lo stesso problema. La rete proprietaria ha portato ad una differenza davvero importante delle prestazioni, talvolta ed in alcune zone della città la velocità è davvero imbarazzante.
    Voglio dare ancora una possibilità all’operatore che mi ha permesso di risparmiare oltre il 50% rispetto al mio precedente operatore, ma non nascondo che ho pensato di cambiare nuovamente in piu di un’occasione.

    • Tony ha detto:

      Tutti i gestori stanno messi male in questo periodo, anche io che ho tim, in alcune ore navigo a 3 4 mega

      • Beppuzzo ha detto:

        TIM in realtà rimane tra le più scandalose di sempre, visto che applica un CAP alla sua connessione in base agli orari e non solo. E parlo con test alla mano: con SIM TIM in casa mi fermavo a 4/5 Mbps in download, con CoopVoce oltre 40 Mbps (stessa rete).

    • Pietro ha detto:

      La cosa imbarazzante è che prima condivideva sia la parte accesso radio con WindTre che o i suoi link in fibra ottica ed il suo trafico,essendo oggi windtre gestore con più clienti, la sua capacità minoro visto che sulla stessa cella c’era wind,tre,Iliad eppure ho raggiunto anche 200mbps e mediamente nessa stessa zona/casa mai sotto i 90 circa. Ecco ora con le celle solo Iliad mi sarei aspettato un miglioramento ma non una scadenza delle performance cosi’ vistosa.
      Consideriamo anche che gli utenti Iliad sono numericamente ancora pochi rispetto agli altri gestori quindi le celle meno occupate!.
      Per farvi un esempio in questo istante alle 2.31 del mattino che quindi sarò penso l’unico ad impegnrare la cella raggiungo beh neanche naviga velocità dell’ordine del gprs (sotto 1mbps) ma sicuramente e’ cos anomala la cosa che penso ad un gusto.
      Aggiunge che il coronavirus c’entra molto poco. Lo stesso degrado lo notavo anche da prima dell’emergenza covid parliamo quindi di dicembre/gennaio in concomitanza dello shift su rete proprietaria (verifcato con gli eng menu del tel.).
      Per il discorso cambio gestore non ci penso uno perchè ho la prima offerta da 6 euro mentre dopo il primo effetto iliad gli altri hanno rimodulato al rialzo le tariffe ed anche di tanto poi perchè a livello personale (specie in questi mesi di quarantena) avendo la fibra a casa e restando a casa i dati mobili non li uso semmai uso il wifi.
      Comunque brutta figura per Iliad non giustificabile in alcun modo perchè non sono più neanche in startup essondo sul mercato ormai da 1 anno.
      Vacci a capire.

  2. Diego ha detto:

    Avevano ragione i medici che il covid si aggirava ben prima del febbraio 2020!!
    Da maggio 2018!!

  3. Pietro ha detto:

    Condivido ma emergenza a parte è da quando Iliad ha acceso la sua rete che la connessione dati è drasticamente al limite del penoso anche prima del covid. E’ solo un’appunto. Personalmente anche se non supera i 20mbps me ne frego avendo la fibra ottica ma dati di fatto e misurazioni effettuate posso dimostrare che quando si avvaleva del ran sharing a paritài telefono e località e posizione andavo circa a 100mbps ora da quando è rete proprietaria se son 20 son tanti ed anche li a seconda di giorni ed orari. Da 20 a 100…beh fate voi la discrepanza in percentuale. Se non fosse per i minuti ed sms illimitati e la tariffa di 6 euro direi che lato dati su rete proprietaria Iliad è bocciata almeno da 6 mesi…altro che covid.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: