5G iliad: a Modena è l’operatore con il maggior numero di impianti (approvati da ARPAE)



Corrono gli investimenti sulla rete da parte di iliad Italia, l’operatore ha già rivisto gli obiettivi sulla copertura, che da qui a fine anno supererà i 5.000 impianti attivi e sta puntando diretto anche verso il 5G.

Un primo segnale in tal senso arriva da Modena, dove l’ARPAE (l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente dell’Emilia-Romagna) ha comunicato al Comune di aver valutato positivamente le prime richieste degli operatori di rete mobile per quanto riguarda impianti 5G in città.

All’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente spetta il compito di verificare che gli impianti siano a norma dal punto di vista delle emissioni di campi elettromagnetici, controllando quindi che non ci siano concentrazioni oltre i valori di riferimento (6V/metro) nelle aree in cui verranno installate.

Sono 32 le richieste inviate dagli operatori di rete mobile e iliad Italia da questo punto di vista per ora ha battuto tutti, con ben 21 richieste, 19 in banda 700 MHz (banda disponibile solo da luglio 2022, perché attualmente utilizzata dal Digitale Terrestre) e 2 in banda 3700 MHz.

WINDTRE ha effettuato richieste per 6 impianti (tutti in banda 3700 MHz), TIM 2 richieste (in banda 3700 MHz), Vodafone 2 richieste (in banda 3700 MHz) e Fastweb 1 richiesta (in banda 26 GHz).

Impianti 5G Modena

Localizzazione impianti 5G a Modena – Copyright immagine: Gazzetta di Modena

Come ricorda la stessa ARPAE, “per le caratteristiche peculiari della rete 5G che occorrerà sviluppare, per la tipologia dei servizi e per consentire gli utilizzi previsti, tendenzialmente il numero delle antenne aumenterà. L’aumento di antenne però comporterà celle di coperture più piccole di quelle attuali, con conseguente diminuzione delle potenze necessarie per fornire i servizi necessari.

I tempi in cui questo avverrà dipenderà dai piani di sviluppo delle reti, dalle aree che dovranno essere coperte, dalla penetrazione nel mercato delle nuove tecnologie e delle loro applicazioni.  L’aumento degli impianti non significherà necessariamente un aumento di emissioni elettromagnetiche.

È vero che nelle prime fasi di implementazione del 5G le antenne andranno ad aggiungersi agli altri sistemi (2G, 3G, 4G), già presenti, aumentando di fatto le emissioni complessive; tuttavia se il 5G soppianterà in parte o del tutto le altre tecnologie, si avrà una progressiva diminuzione dei livelli di campo elettromagnetico, in quanto, l’uso di particolari antenne adattative fa sì che le emissioni derivanti dal sistema 5G siano inferiori e ottimizzate nello spazio”.

Con molta probabilità potranno seguire altre richieste per il 5G da parte di tutti gli operatori, ma da questi dati, sembra proprio che su Modena iliad si sia portata avanti con il lavoro. Ora manca solo il via libera finale del Comune.


Segui Universo Free anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale, unisciti al nostro canale Telegram e seguici nella grande community Facebook e Twitter. Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

6 Risposte

  1. marco ha detto:

    Io rimango solo in attesa della copertura come dico io, che finora me la sta dando solo Vodafone. Il resto, per me, sono solo chiacchiere. Roma è coperta? Intanto ho una scheda Iliad e la copertura attuale è sempre quella di Wind 3, motivo per cui… chiusa nel cassetto. Vedremo…vedremo…non c’è fretta. Non ho sposato ne Tim. ne Wind, ne Vodafone e tantomeno Iliad, ma al momento vince Vodafone in tutto e per tutto. Chi vivrà, vedrà…

  2. Angelica Bontempi ha detto:

    Si, beh, se andiamo a vedere “uno specifico comune” è più che normale che ci sia quello dove magare Iliad è avanti… a Milano, Torino, Roma e Napoli come sta’ messa ad esempio? 🙂
    Ma poi, sono tutti Iliad a 700 MHz, quindi quel 5G è solo autorizzato ma sarà montabile e utilizzabile dal 1 luglio 2022…

    • Luca ha detto:

      Intanto ci sono operatori che nemmeno ce l’hanno le frequenze in 700 MHz (quelle che permettono di coprire un territorio più esteso rispetto alle altre). Ma continuate a sottovalutare iliad come hanno fatto fino ad ora i concorrenti, ne riparliamo poi tra qualche anno 😉

  3. Luca ha detto:

    Ho la sensazione che iliad sul 5G darà filo da torcere ai suoi concorrenti

    • Angelica Bontempi ha detto:

      Sono tutte autorizzazioni a 700, sarà operativo dal 1 luglio 2022, quindi altro che filo da torcere! ^^

  4. Alessandro D'Arpini ha detto:

    “E io che sono uno spirito maligno, mi muovo di notte con l’istinto di un bagnino” (cit. Francesco Baccini – Le Donne di Modena).

    Spero che a Modena nessuno, di notte con l’istinto di un bagnino, uomo o donna che sia, venga in mente di vandalizzare quegli impianti.

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: