Iliad non installerà una rete 2G in Italia, ma userà quella di Wind Tre in roaming


In un documento AGCOM pubblicato nel luglio 2017 e rilanciato oggi sul web (qui potete scaricarlo integralmente), relativo ad una consultazione pubblica concernente la proroga dei diritti d’uso delle frequenze in banda 900 e 1800 MHz, Iliad ha inoltrato all’Autorità delle Comunicazioni le proprie osservazioni per quanto riguarda la futura rete. Nel documento sono diversi i punti interessanti e fino ad ora poco noti.

Priorità al 4G

Nel documento Iliad Italia evidenza come le frequenze 1800 MHz rivestano un ruolo essenziale per la propria futura rete 4G, in particolare, “alla luce del significativo incremento deIl’uso di servizi dati in Italia e i vantaggi delle frequenze 1800 MHz per lo sviluppo della rete 4G, è essenziale che lliad Italia possa conservare i diritti d’uso di tali frequenze fino al 2029″.

Niente rete 2G per Iliad

Nel documento la società spiega inoltre che non svilupperà una propria rete 2G:

ILIAD ITALIA utilizzerà Ie frequenze 1800 MHz direttamente in 4G, mentre non svilupperà una propria rete 2G, tuttavia l’accordo firmato nel luglio 2016 con le società controllanti di Wind Tre assicura ad Iliad Italia l’utilizzo di un servizio di roaming 2G ai propri utenti finali

La filiale italiana di Iliad dunque continuerà a fornire l’utilizzo della rete 2G in roaming su Wind Tre a tutti i suoi clienti fino al 2022 o comunque fino a quando questo tipo di rete non verrà dismessa, giustificando questa scelta su più punti:

  • una quota significativa di utenti continuano ad utilizzare terminali o altri apparati abilitati all’utilizzo della sola tecnologia 2G;
  • i consumatori provenienti da altri Paesi che utilizzano il servizio GSM sulla base di accordi di roaming internazionale;
  • la vendita, ancora oggi, di apparati con sola tecnologia GSM;
  • SIM Machine to Machine (M2M) basate su tecnologia 2G;
  • utilizzo della rete 2G in casi di eccezionali picchi di traffico registrati sulla rete 3G/4G

Tutto questo per poter così sfruttare completamente la dotazione spettrale assegnata ad Iliad Italia (su banda 900 e 1800 MHz) per la copertura di rete 3G e 4G, senza dover dedicare nessun blocco per quella in 2G. Scelta che appare più che logica per un operatore che inizierà ad operare nel 2018 e con una rete GSM che pian piano sta venendo dismessa in diversi Paesi, come la vicina svizzera (ne abbiamo scritto in questo articolo).

Per tutte le ultime notizie sulla copertura di rete Iliad in Italia, consulta la nostra sezione dedicata.


Per le anticipazioni esclusive e i nostri aggiornamenti con le ultime notizie disponibili, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

Advertisements

Commenta...