In attesa del lancio di Iliad la concorrenza aumenta i bundle delle offerte


Ad ormai pochi mesi dal lancio del nuovo operatore mobile del gruppo Iliad (ho. mobile) si sente già l’effetto di un nuovo competitor nel mercato mobile italiano.

Sì, perché non solo TIM ha lanciato un suo operatore mobile virtuale (Kena Mobile) per contrastare Iliad, con Vodafone che seguirà a ruota, ma in generale si è registrato negli ultimi mesi un perfezionamento delle offerte di tutti i gestori italiani (anche aumentando bundle di minuti SMS e soprattutto traffico internet).

Bundle che non sono ancora ai livelli di quelli offerti da Iliad con la sua Free Mobile in Francia, ma come detto, qualcosa comincia comunque a smuoversi. Ad esempio, TIM con le nuove offerte Turbo Special, arriva ad offrire fino a 16 GB e minuti illimitati, ma se si vanno a ricercare le tante offerte speciali riservate a chi effettua portabilità da altro gestore (e disponibili presso dealer aderenti l’iniziativa), è possibile usufruire di bundle ancora più consistenti, come la TIM Super One (lanciata proprio oggi), che offre ben 32 GB di traffico internet e minuti illimitati a soli 15 euro ogni 4 settimane.

Offerte che, prima dell’annuncio dell’arrivo di un nuovo temibile concorrente come i francesi di Iliad, praticamente erano inesistenti o con bundle molto più ridotti. Non sono da meno anche Wind Tre e Vodafone o Fastweb. Quest’ultima ha totalmente rinnovato di recente l’offerta tariffaria, con ad esempio il mini-bundle da 1,95 euro che sembra vagamente ispirato a quello da 2 euro di Free Mobile in Francia, seppur con le dovute ed evidenti differenze:

  • Fastweb: 100 MB di traffico internet e 100 minuti di chiamate verso tutte le numerazioni nazionali (bundle sfruttabile anche in roaming in UE), con tariffazione ogni 4 settimane.
  • Free Mobile: 50 MB di traffico internet in Francia (+50 MB per il roaming in UE), SMS/MMS illimitati e 120 minuti di chiamate verso tutte le numerazioni nazionali e i territori d’Oltremare, oltre che in roaming in UE, verso numerazioni mobili di Stati Uniti, Canada, Alaska, Hawai, China e numerazioni fisse di 100 diverse destinazioni. Il tutto tariffato su base mensile.

E questo probabilmente è solo l’inizio, la vera sfida sarà al lancio ufficiale del nuovo (quarto) operatore mobile, dove non è difficile immaginare l’inizio di una nuova guerra dei prezzi e l’aumento dei bundle delle varie offerte.

Ma soprattutto, l’entrata nel mercato della telefonia mobile di un gruppo che ha tutte le intenzioni di ripetere il successo avuto in Francia, con tariffe low cost, servizi indispensabili offerti gratuitamente (a differenza di quanto succede con TIM, Wind|3 e Vodafone) e tariffazione su base mensile (e non su 28 giorni o con soglie settimanali).

Tutte cose che Xavier Niel, fondatore del gruppo Iliad, ha tenuto a precisare già lo scorso maggio (con le prime indiscrezioni addirittura di circa un anno fa) e tutto quello che in pratica chiede il consumatore italiano, sempre più stufo di costi nascosti, variazioni applicate con poco preavviso sulla propria offerta tariffaria (rimodulazioni selvagge) e rinnovi a 4 settimane (generando un addebito in più su base annua, quindi guadagni extra per l’operatore).


Per non perdere nemmeno un aggiornamento, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

Advertisements

Una risposta

  1. Massimo STEF ha detto:

    Bundle…. Pacchetto!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: