Effetto iliad: in un anno tariffe scese del 22%


La rivoluzione iliad alla fine c’è stata: a meno di un anno dal lancio, avvenuto lo scorso fine maggio, i prezzi delle tariffe nella telefonia mobile italiana sono effettivamente calati grazie alla concorrenza innescata dal nuovo operatore mobile.

Rivoluzione Iliad

Il confronto, realizzato dal comparatore facile.it e pubblicato questa mattina nell’edizione cartacea de La Stampa, riguarda il periodo gennaio 2018 – gennaio 2019, dove si è assistito ad un calo delle tariffe mensili del 22%.

Non solo si è assistito ad un calo dei prezzi, ma anche ad un aumento dei Giga messi a disposizione nelle varie offerte commercializzate (ben +130% anno su anno), a cui si aggiungono i minuti illimitati messi a disposizione da diversi gestori.

Analizzando le offerte più economiche di ogni singolo gestore a gennaio 2018 con quelle di gennaio 2019, è emerso un importante risparmio per i consumatori italiani (quantificabile in diversi euro ogni mese).

Tra gli esempi riportati, quello dell’offerta TIM Young&Music Limited Edition, che a gennaio 2018 proponeva 10 Giga di traffico internet al costo di 13 euro. A distanza di un anno, la risposta è stata la Young Senza Limiti Special Edition, con 15 Giga di internet al mese al costo di 10 euro.

Anche la stessa Vodafone, tra gli operatori mobili italiani più cari, ha migliorato e di molto la propria offerta, passando dalla Vodafone Pro di gennaio 2018 (20 euro per 5 GB di internet) alla Unlimited x3 da 15 euro al mese con 20 Giga di internet.

Il tutto, senza contare le offerte low cost proposte da alcuni operatori mobili, in particolare Kena Mobile e ho., nel tentativo di riconquistare i clienti persi da TIM e Vodafone Italia con l’arrivo di iliad.


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle migliaia di persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook e Twitter

Una risposta

  1. Raffaele Barletta ha detto:

    L’Autorità garante della concorrenza e del mercato, nota anche come Antitrust o AGCM non si è accorta di tutto qunIuesto!?!

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: