Coronavirus: emendamento della Lega per bloccare la portabilità del numero fino al 18 maggio 2020



Ci risiamo: spunta nuovamente l’emendamento al Decreto legge Cura Italia che prevede lo stop alla portabilità del numero a causa dell’attuale emergenza Coronavirus.

MNP

A proporlo è questa volta solamente la Lega (precedentemente erano due gli emendamenti, targati M5S e Lega), che lo aveva presentato e successivamente non lo aveva segnalato.

E’ quanto riferisce pochi minuti fa Radiocor, secondo cui la norma prevede che fino al 18 maggio siano “sospese tutte le operazioni di portabilità di numeri fissi e mobili, nonché la generazione di nuovi numeri che non siano in corso, salvo nel caso sia necessario all’attivazione di nuove connessioni o di più elevati standard di connettività”

Non solo: sempre fino al 18 maggio 2020 le imprese che svolgono attività di fornitura di reti e servizi di comunicazioni elettroniche non potranno realizzare compagne commerciali straordinarie di contrattazione di servizi di comunicazione elettroniche che richiedano la portabilità del numero, nella misura in cui ciò implichi la necessità degli utenti di spostarsi fisicamente verso i punti vendita.

Come abbiamo avuto modo di scrivere nei giorni scorsi, questa norma (che vede sostanzialmente favorevoli solo i sindacati di categoria) ha creato molte polemiche e ha visto l’AIIP (Associazione Italiana Internet Provider), diverse associazioni consumatori e alcuni operatori di telefonia (come iliad e Fastweb) contrari.

E i motivi sono tanti, tutti incontestabili. Partiamo dall’AIIP:

Limitare la possibilità di cambiare fornitore significa impedire al cliente di poter scegliere un servizio qualitativamente superiore proprio ora che – in ragione delle misure di contenimento del virus quali smart working, etc. – ne ha particolare necessità, o impedire al cliente di valersi di un servizio analogo ma a condizioni economiche più vantaggiose, proprio ora che c’è una situazione di generalizzata contrazione delle disponibilità economiche sia per le famiglie che per le imprese.

L’emendamento appare del resto in aperto contrasto con la finalità dell’articolo 82 del decreto Cura Italia: le reti e i servizi di comunicazione elettronica hanno un ruolo essenziale e devono essere potenziati per venire incontro alle maggiorate esigenza di banda dei clienti.

Sia le migrazioni, sia larga parte delle portabilità non richiedono alcun intervento presso il cliente né la sua presenza in centri di attivazione pubblica – così quantomeno le portabilità di rete fissa, a differenza di quanto avviene per la rete mobile in assenza di SIM virtuale.

In ogni caso, le eventuali attività che richiedano la presenza fisica del tecnico presso il cliente (o del cliente in un centro di attivazione pubblica – condizione infrequente per quanto riguarda la rete fissa), rientrano tra quelle che devono rimanere sempre consentite – sia pure con le dovute precauzioni – per garantire al pubblico i servizi di comunicazione elettronica la cui centralità ed essenzialità per il sistema paese è esasperata dalla situazione emergenziale causata dal Coronavirus.

Altroconsumo ricordava inoltre come le attività di migrazione tra operatori mobili non necessitano dell’intervento di un tecnico in casa, così come per la maggior parte delle migrazioni di linea fissa tra operatori, eccezion fatta per l’attivazione di linee FTTH”.

E qui verrebbe meno il punto principale che ha visto nei giorni scorsi i sindacati fare pressione perché i due precedenti emendamenti andassero in porto, ovvero “così tuteliamo la sicurezza dei tecnici”.

Ricordiamo che nella sola telefonia mobile, nell’ultimo anno sono state effettuate oltre 14 milioni di operazioni di portabilità del numero (dati AGCOM), quindi con una media di oltre 1 milione al mese. Uno stop fino al 18 maggio produrrà un danno inimmaginabile per iliad e gli operatori mobili virtuali (MVNO), ovvero tutte quelle realtà a cui si stanno rivolgendo buona parte degli italiani (e a tutto vantaggio dell’ex incumbent nel fisso e di WINDTRE, TIM e Vodafone nel mobile).

Portabilità Settembre 2019

Portabilità del numero (dati AGCOM – Settembre 2019)

Che senso ha bloccare le portabilità del numero, in particolare nel segmento mobile, se ormai questo tipo di operazione avviene sempre più spesso online, senza necessità di recarsi in un negozio fisico e prevede dei processi totalmente automatizzati che consentono il passaggio da un operatore all’altro in poco più di 48 ore?

Non sarebbe forse meglio lavorare per il bene dei cittadini tutti, magari pensando ad azioni più concrete (come ad esempio la ricerca di mascherine, una delle priorità più che attuali) invece che creare una nuova situazione di disagio per milioni di persone?


Segui Universo Free anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale, unisciti al nostro canale Telegram e seguici nella grande community Facebook e Twitter. Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

8 Risposte

  1. Sam ha detto:

    Da quando le leggi in Italia le fanno le minoranze?

  2. Alexx ha detto:

    Tutti con uno o più cellulari, tutti che vogliono scaricare al TOP ma nessuno che vuole le infrastrutture… Quando finirà questa sindrome di NIMBY “Non nel mio cortile”… CIAO

  3. undertherain ha detto:

    Un motivo in più per mandare a.. ‘sta brutta razza.

  4. Michele ha detto:

    E tutto a beneficio di chi ha un budget limitato e deve far fronte all’improvvisa necessità di dotarsi di connessione ad internet a buon prezzo perchè ha in casa i figli che devono fare didattica a distanza,chi la vuole e la deve fare DEVE tenersi i prezzi gonfiati dei soliti ladr.. ehm,operatori oppure nisba.Ottimo!Certa gente sta alla politica come i cavoli a merenda.

  5. gian ha detto:

    Oltre a costringere la gente a non poter cambiare operatore,per optare per uno più conveniente (non per forza Iliad) ci costringono pure ad acquistare mascherine a caro prezzo, mantenendo l’iva al 22% , capisco quando costavano meno di 1 euro, ma ora proprio no.

  6. Mercedes ha detto:

    con tutto il rispetto per gli Asini, ma! i somari, in quanto tali, possono solo ragliare.

  7. Davide Barone ha detto:

    Non sanno a cosa pensare purtroppo ci sono problemi MOLTO ma MOLTO più gravi da pensare in questo momento, per pensare dovrebbero essere dotati però di materia grigia!!!!!!!!!

  8. Davide ha detto:

    Hanno propio stancato!

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: