Coronavirus: calano le prestazioni delle reti mobili e fisse. Vodafone la meno performante



Dall’inizio dell’epidemia di Covid-19 e relativo confinamento della popolazione in Italia, mai prima d’ora le reti di telecomunicazione, sia fisse che mobili, sono state utilizzate tanto. In questa occasione, nPerf ha reso noto un rapporto trimestrale che mostra la reazione delle reti in Italia dall’inizio di questa situazione di crisi globale.

Questo studio si basa sui test effettuati durante il primo trimestre del 2020 dagli utenti dell’applicazione mobile nPerf disponibile su iOS, Android e Windows Phone e sui test effettuati da partner e su nPerf.com.

Le prestazioni mobili calano drasticamente

Dall’inizio di marzo, quando viene implementato il confinamento, le prestazioni della rete diminuiscono in modo consistente tra i quattro operatori. Tuttavia, le velocità di download rimangono di media superiori a 20 Mbps.

Le velocità di download delle reti mobili sono diminuite tra febbraio e marzo del 25%, o 10 Mbps in media, ad eccezione di WINDTRE, che è diminuita di appena 5 Mbps.

Anche la rete proprietaria di iliad ha visto un calo delle prestazioni, ma inferiore rispetto a quello riportato da TIM e in particolare da Vodafone.

Reti mobili e Coronavirus

Le reti fisse reagiscono meglio

Anche se sono influenzati dal notevole carico legato al consumo eccessivo di contenuti (Netflix, YouTube, Amazon Prime, VoD, videogiochi etc) e dallo smart working (videoconferenze etc), le reti fisse continuano a offrire ottime prestazioni con velocità superiori a 48 Mbps indipendentemente dall’operatore.

Le velocità di download delle reti fisse sono diminuite tra febbraio e marzo del 10%, o 8 Mbps in media, ma rimangono molto accettabili, vicino a 55 Mbps, con Fastweb e WINDTRE che restano sopra i 62 Mbps, confermando un’ottima tenuta.

La fibra ottica resiste al Covid-19

Come facilmente immaginabile, le reti FTTH (Fiber To The Home) sono quelli che fino ad ora hanno saputo gestire meglio il sovraccarico, con prestazioni medie sempre superiori ai 250 Mbps.

Anche qui, come nel mobile, a soffrire maggiormente è Vodafone, l’operatore che ha registrato il calo maggiore, mentre sono in controtendenza TIM e Vodafone, che a marzo hanno visto un aumento della velocità di download rispetto al mese precedente (sfiorando una media di 300 Mbps).

Reti fisse FTTH e Coronavirus

Per fortuna, nonostante il massiccio utilizzo dovuto alla quarantena degli italiani, le reti fisse e mobili del nostro paese hanno retto e questo è il dato più importante.

Come segnala nPerf, tutti gli operatori hanno risposto offrendo prestazioni più che onorabili nonostante una situazione senza precedenti. Hanno anche permesso a Disney di aprire la sua piattaforma Disney+ una settimana prima, il 24 marzo, mentre in altri paesi, il suo lancio è stato ritardato per paura di far collassare le reti.


Segui Universo Free anche su Google News, clicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perderti le ultime notizie con le notifiche in tempo reale, unisciti al nostro canale Telegram e seguici nella grande community Facebook e Twitter. Universo Free è anche una comoda Web App gratuita che puoi portare sempre con te, scaricala subito sul tuo smartphone.

3 Risposte

  1. Francesca Pantani ha detto:

    A dire il vero, guardando il grafico delle performance disponibii è proprio Vodafone quella in alto!

    • Redazione ha detto:

      I grafici relativi alle velocità medie di download vedono Vodafone con i valori più bassi tra tutti i 4 gestori presi in esame, sia nel fisso che nel mobile.

      • Marco ha detto:

        Ciao, però considerando il numero di clienti che hanno e i virtuali a loro appoggiati, era normale. Fa più specie vedere la riduzione delle prestazioni di Iliad con pochi clienti

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: