Iliad in Italia: l’aggiornamento su copertura di rete, data di lancio, tariffe e fake news


A pochi mesi dal lancio del nuovo (quarto) operatore mobile italiano da parte del gruppo Iliad, il cui nome – salvo sorprese – sarà ho. mobile (e non Free Mobile, come sappiamo già dallo scorso maggio), eccoci a fare il punto della situazione per distinguere tra quello che c’è di certo dal puro gossip e confusione che si sta creando in rete, con notizie spesso false e inventate, da parte di portali web alla ricerca del clic facile.

Lancio in Italia di Iliad

Non esiste ad oggi una data di lancio ufficiale. Rimane il periodo temporale dicembre 2017 – febbraio 2018 nei piani del gruppo, con le ultime dichiarazioni  del CEO di IliadMaxime Lombardini, che parla di un “NON PRIMA DELLA FINE DELL’ANNO“.

Fake news | Non esiste nemmeno nessun presunto “grande annuncio a Milano ad ottobre” per la presentazione di marchio e data di lancio del nuovo operatore mobile (la sede operativa del gruppo è proprio nel capoluogo lombardo, quasi scontato che in futuro qualsiasi annuncio o presentazione, possa venire organizzato qui. Per ora dobbiamo solo attendere).

Le tariffe di Iliad

Fake news | Sono vere le tariffe che circolano su forum e siti web, riferite a Iliad in Italia? Anche qui non c’è nulla di ufficiale. Sono tariffe che appunto circolano da diversi mesi e probabilmente sono state fornite all’agenzia che sta sviluppando il sito web italiano del nuovo operatore mobile per i classici test prima della reale messa in produzione.

Quello che sappiamo di certo, proprio grazie ai nostri incontri avuti con alcuni dirigenti di Iliad, è che c’è e ci sarà massima riservatezza su tutto quello che riguarda potenziali informazioni che in questa fase non devono finire in mano alla concorrenza (i motivi sono più che ovvi). Quindi, riserbo assoluto, sulle tariffe in primis.

Management italiano Iliad

Qui ci sarà da attendere ancora poco.  Sempre Maxime Lombardini ha dichiarato che saranno annunciati nelle prossime settimane i nomi dei 7 top manager della divisione italiana del gruppo (con sede operativa a Milano).

Copertura di rete Iliad

Il nuovo operatore mobile italiano (ho. mobile) sfrutterà parte degli asset ceduti da Wind Tre post fusione (oltre ad un accordo di roaming sulla stessa rete per 5 anni, rinnovabile di ulteriori 5). L’accordo prevede lo sfruttamento, in roaming, sia della rete 3G che 4G di Wind Tre e della futura rete 5G (notizia che abbiamo potuto dare in anteprima assoluta già lo scorso maggio).

Al 30 giugno 2017, Wind Tre ha comunicato di aver effettuato il primo rilascio di frequenze (in banda 2600 MHz) al gruppo Iliad.

Fake news | Quindi “L’ accordo tra Wind Tre e Iliad riguarderebbe anche il 5G e nelle scorse ore sarebbe stato definitivamente approvato dalle autorità di Bruxelles” ??

Falso, nessun annuncio è stato fatto o è stato approvato a fine agosto da Bruxelles in merito ad un presunto roaming 5G per Iliad.

La notizia vera è dello scorso maggio, su dichiarazioni dei vertici del gruppo durante la Convention Free 2017 tenutasi a Parigi, dove è stato confermato che il nuovo operatore avrà accesso alla rete 4G Wind Tre ed eventualmente anche al 5G, se quest’ultimo verrà implementato nel corso dei 5 anni più eventuali altri 5 di durata dell’accordo di roaming.

Questa la situazione aggiornata su quello che c’è di certo sullo sbarco di Iliad nel nostro Paese. Naturalmente continueremo a seguire la situazione per potervi così informare con dovizia di particolari, come facciamo ormai da oltre un anno.


Per non perdere nemmeno un aggiornamento, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google

Advertisements

Una risposta

  1. Giovanni Cosimo ha detto:

    Tutta colpa di UpFake

Dì la tua o Rispondi ad un commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: