Stop alla fatturazione a 28 giorni per legge, ma arriverà prima Iliad


Via libera in Commissione Bilancio del Senato all’emendamento al Dl Fiscale che ripristina l’obbligo di fatturazione mensile sia nei confronti dei gestori telefonici che delle imprese tv e servizi di comunicazione elettronica.

Quella che è stata per circa due anni una fonte di maggiori introiti per molte compagnie telefoniche, presto non esisterà più. L’emendamento chiarisce infatti anche le tempistiche entro le quali tutte le società dovranno adeguarsi: 120 giorni dall’entrata in vigore della legge.

Un intervento, quello legislativo, arrivato dopo che l’AGCOM ha chiaramente mostrato i suoi limiti in materia.

Lo scorso marzo infatti, a nulla è servito il richiamo ai gestori per un ritorno alla fatturazione mensile (ma solo nella telefonia fissa e nelle offerte convergenti), richiamo che ad oggi è rimasto totalmente inascoltato. Non solo, l’AGCOM non è intervenuta in alcun modo sulla fatturazione a 28 giorni che riguardava invece la telefonia mobile, con somma delusione di milioni di consumatori.

Una volta entrata in vigore, gli operatori che non si adeguano entro 120 giorni alle nuove scadenze, continuando ad applicare la fatturazione a 28 giorni, dovranno rimborsare i clienti con un indennizzo di 50 euro.

Importo maggiorato di un euro “per ogni giorno successivo alla scadenza del termine assegnato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni”.

Il ritorno alla fatturazione sarà un passo obbligato per molti gestori non solo per la nuova legge che entrerà in vigore tra poche settimane, ma anche per la concorrenza di Iliad e del suo nuovo operatore mobile (Ho. Mobile) pronto a debuttare in Italia tra pochi mesi e che lancerà la propria offerta basata sul mese.

A tal proposito non sono mancate le dichiarazioni dello stesso Xavier Niel (fondatore del gruppo Iliad) che già lo scorso marzo, aveva dichiarato:

In Italia il consumatore di telefonia mobile è maltrattato. Lo si inganna con tanti piccoli trucchi. Noi, invece, vorremmo dar vita a un operatore che rispetti le persone, che sia amato.

Concetto ribadito anche poco dopo, lo scorso maggio, in un incontro a Parigi (dove siamo stati presenti anche noi di UNIVERSO free), ribadendo che l’obiettivo in Italia è semplice:

Portare maggiore chiarezza e trasparenza con offerte accessibili e condizioni contrattuali chiare, in grado di cambiare finalmente questo mercato. Con il nuovo operatore mobile sarà offerta più trasparenza ai consumatori italiani.

Tra pochi mesi per i consumatori italiani potrebbero quindi aprirsi le porte per nuove offerte ancora più vantaggiose delle attuali e si spera, l’addio definitivo all’odiosa fatturazione a 28 giorni.

via telefonia.today


Per ricevere le ultime news, le anticipazioni esclusive e i nostri aggiornamenti prima di tutti, unisciti al nostro canale Telegram oppure seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

Advertisements

Una risposta

  1. Giuseppe Paolino ha detto:

    speriamo sia presto

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: