Successo Iliad: a luglio 2018 due persone su tre conoscevano il brand


Nel report semestrale pubblicato oggi dal gruppo Iliad, non ci sono soltanto gli importanti dati sulla straordinaria crescita del nuovo operatore mobile nel nostro paese (1,5 milioni di utenti ad inizio agosto 2018), ma anche preziose informazioni sulla rete proprietaria (qui il nostro articolo dedicato) e un interessante sondaggio sulla notorietà del brand in Italia.

I dati pubblicati oggi fanno ben capire l’impatto del nuovo entrante nel mercato della telefonia mobile: a maggio 2018 solo il 12% degli italiani conosceva il brand Iliad.

Dopo l’imponente campagna pubblicitaria (e un forte passaparola), basata su valori quali la semplicità, l’innovazione e la fiducia, a luglio del 2018 erano ben due italiani su tre a conoscere il nuovo brand.

Il 64% degli intervistati conosceva Iliad e la sua offerta e servizi.

Brand Iliad luglio 2018L’ottima copertura mediatica e una offerta mai vista prima d’ora sul mercato italiano, hanno portato a questo successo.

A seguire, una veloce carrellata con gli spot e le affissioni realizzate da Iliad per promuovere la propria offerta e il proprio marchio.

Primo spot tv

Secondo spot tv

Terzo spot tv

Affissioni

Diverse inoltre le affissioni in tutta Italia, da quelle nei principali centri commerciali, nelle stazioni ferroviarie e nelle fermate dei mezzi pubblici.

Iliad Centro Arese

Iliad Centro Arese

Senza dimenticare alcune linee tram di Roma e Milano interamente brandizzati Iliad.

Tram Iliad Milano

Tram interamente brandizzato Iliad a Milano

Altre risorse utili


Rimani aggiornato con le nostre news e anteprime esclusive, unisciti alle oltre 7.670 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche in tempo reale dal nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici sui social: Facebook | Twitter | Google+

7 Risposte

  1. Pierluigi ha detto:

    Io penso anche che ci sia stato un clamoroso autogol da parte di Tim principalmente, quando ha fatto a livello mediatico per screditare ILIAD l’azione di denunciarne per l’ illecito con la storia del presunta illegalità delle SIMBOX… ARGOMENTO PALESEMENTE E SPUDORATAMENTE PRETESTUOSO!!! E SE NE SONO accorti TUTTI!!! Ma poi anche altri pretesti. Questi gli autogol di Tim, Vodafone e Wind…..quindi si sono dati tutti la zappa sui piedi………. Io oggi ho 3 schede ILIAD e ci troviamo tutti benissimo! Sono in una zona collinare e dato che mi hanno “regalato” una scheda Vodafone la sto provando e viaggia ad un quinto della velocità di ILIAD……
    Ma di cosa stiamo parlando?!?!?…………

  2. Ignazio ha detto:

    Buonasera mi chiamo Ignazio e dopo molte titubanze di voler cambiare ad iliad mi sono deciso ed ho cambiato tre schede fiducioso che a breve si sarebbe risolto il problema della ricezione. Oggi devo dire con mia profonda tristezza che purtroppo dopo svariati segnalazioni ai vostri operatori non è successo proprio un bel niente. Credo che mi sto decidendo per ritornare al mio vecchio operatore che malgrado tutto aveva una ricezione costante in ogni situazione. Buon lavoro!
    Saluti Ignazio Maniscalco

    • bifax ha detto:

      Complimenti per la sinceritá Ignazio. Confermi quanto scrissi io ieri: quante sono dopo il primo trimestre le sim Iliad che hanno richiesto la portabilitá verso altri gestori? Domanda lecita, la cui risposta rientra nella perfetta trasparenza di Iliad. Non servono proclami sul numero raggiunto di sim attive, se non si offre per informazione completa per lo meno la percentuale di abbandono sul totale. Buon winback ignazio 🙂 io rimango ancora in attesa!

      • Redazione ha detto:

        Va bene, ma essere trasparenti con i clienti è un conto, pubblicare tutti i dati su attivazioni e mnp in uscita nel dettaglio, significa regalare una valanga di informazioni alla concorrenza oltre a rischiare di esporre la società a speculazioni e ad una altalena in Borsa. I dati li danno e pure in abbondanza con le varie semestrali, come avete potuto vedere dai tanti articoli che proprio ieri abbiamo fatto. Per il resto, al consumatore interessa avere una buona offerta, spendere il giusto e non subire i giochini che abbiamo visto negli ultimi anni.

        • bifax ha detto:

          Stranamente questa volta non concordo. Se la “bandiera” é la trasparenza e la veritá, o si cambia spot o si rimane coerenti! Sapere che al 30 Settembre 2018 si é superata la soglia dei 2.000.000 di attivazioni, senza avere il dato completo, fa differenza. É come dire invadiamo lo stato “cicciobello” con 1000 soldati, poi se ne muoiono 500 dei nostri e ne rimangono 500 noi non lo sapremo mai, pensando che i 1000 eroi combattono per noi! (Ho estremizzato). Parlo solo di completezza di informazioni. Quando Mercedes fa un rientro per un difetto a 1.000.000 di suoi automezzi, in borsa mica c’é una fluttuazione. In questo caso (é un semplice esempio) dire: abbiamo raggiunto da ZERO i 2.000.000 di nuovi utenti nel nostro primo quadrimestre e abbiamo fatto portabilitá in uscita solo per il 2% potrebbe solo fare alzare il titolo in borsa vista la performance straordinaria. La concorrenza si mangerebbe le dita, non le unghie, ad un dato simile, ponendosi una sola domanda “dove abbiamo sbagliato?”
          Riprendo un punto da voi scritto:
          ” Per il resto, al consumatore interessa avere una buona offerta, spendere il giusto e non subire i giochini che abbiamo visto negli ultimi anni.”
          Ma siete sul serio sicuri che noi consumatori siamo interessati a fare le pecorelle che seguono il gregge con una buona offerta, il giusto prezzo, e non subire i giochini della triade? A leggere bene i vari post, al di la dei “tano” di turno, c’é chi in maniera educatissima espone il motivi per cui lascia iliad. Detto ció…. Segreto di stato sapere quanti sono quelli che hanno provato e per qualche recondito motivo abbandonano? In fondo Agicom ci dirá fra un mesetto il valore percentuale che hanno perso Tim rubafone e Wind/H3g no? Ovvio che il grafico di Iliad sia in salita, e ne sono strafelice, ma per completezza di info….. Ciao Redazione! 🙂

          • Redazione ha detto:

            Tieni però presente che quando annunceranno i due milioni di clienti, saranno al netto comunque di quelli persi, anche se tu vorresti avere quel dato (che vedrai comunque dai report agcom nei prossimi trimestri, con la loro calma…) 🙂

  3. Roby ha detto:

    Adesso spero che migliori la copertura. per tutto resto diciamo che ci siamo, mentre la copertura in molte zona lascia un po’ desiderare

Commenta...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: